Lombardia, servizio di consegna a domicilio dei farmaci per i cittadini non autosufficienti

Lombardia, servizio di consegna a domicilio dei farmaci per i cittadini non autosufficienti

Roma, 25 luglio – Un servizio pensato in via prioritari per gli anziani e i malati, prime “vittime” dello svuotamento estivo delle città, che si traduce inevitabilmente anche in una drastica riduzione dei servizi disponibili.

È  pensando soprattutto a loro che Federfarma Lombardia, il sindacato regionale dei titolari di farmacia, ha attivato anche quest’anno a Milano, Lodi, Monza e in tutta la Regione un servizio di consegna a domicilio dei farmaci, totalmente gratuito per le persone che non possono muoversi o soggette a patologie gravi.

Per le persone non autosufficienti sarà sufficiente telefonare al numero verde 800 189521 (dalle 9 alle 18, solo nei giorni feriali) e il servizio provvederà a mettere in contatto il cittadino con la farmacia che si occuperà della consegna a domicilio. In questo modo, il paziente potrà accordarsi direttamente con il farmacista della farmacia.

Al servizio aderisce la grande maggioranza delle farmacie private di Milano, Lodi, Monza e della Lombardia.

“È un servizio che forniamo da qualche anno con ottimi risultati come dimostrato dalla riconoscenza dei pazienti più fragili” spiega Annarosa Racca (nella foto), presidente di Federfarma Lombardia. “Leggiamo di aziende private che si propongono sul mercato per il servizio di consegna dei farmaci a domicilio, ma il rapporto diretto con le farmacie è insostituibile perché fornisce anche assistenza, consiglio e verifica dell’aderenza alle terapie”.

Le persone che durante le ferie estive hanno bisogno di una farmacia – anche nelle zone turistiche lombarde – possono, inoltre, usufruire delle informazioni del sito www.turnifarmacie.it. Utilizzabile anche da smartphone, il sito elenca le farmacie in turno di guardia farmaceutica su tutto il territorio della Regione Lombardia, garantendo la copertura del servizio anche nei giorni festivi e negli orari notturni.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi