Genova, dipendenti farmacie comunali proclamano lo sciopero: “No alla vendita”

Genova, dipendenti farmacie comunali proclamano lo sciopero: “No alla vendita”

Roma, 13 aprile – Era quasi inevitabile che finisse così: Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs Uil, insieme ai lavoratori delle farmacie comunali di Genova, hanno dichiarato una giornata di sciopero, per protestare contro la più volte annunciata intenzione della giunta comunale guidata dal sindaco Marco Bucci (nella foto) di procedere alla privatizzazione dell’Azienda Farmacie Genovesi, che gestisce gli otto esercizi comunali del capoluogo ligure. Un’ipotesi alla quale dipendenti e sindacati, con il sostegno dei partiti in minoranza a Palazzo Tursi, hanno contrastato fin da subito con grande fermezza. Si alza dunque il livello dello stato di agitazione proclamato da tempo, decidendo l’astenzione dal lavoro e la conseguente chiusura degli esercizi per martedì 24 aprile.

Secondo quanto si legge in una nota sindacale, “i lavoratori  ritengono che sia auspicabile continuare nel percorso intrapreso in questi ultimi anni passati di valorizzazione delle farmacie comunali per accrescere la qualità del servizio e il ruolo di presidio resi alla cittadinanza salvaguardando le professionalità esistenti. Inoltre ritengono che la vendita rappresenterebbe un impoverimento del ruolo pubblico dell’Azienda Farmacie Genovesi, come dimostrato dalla raccolta di firme dei cittadini a sostegno”.

Una posizione, questa, ribadita con forza nei diversi incontri dei mesi scorsi tra la proprietà e le organizzazioni sindacali. “Le farmacie comunali”  conclude il comunicato “sono un’azienda sana, con un conto economico in equilibrio. Per i lavoratori la valenza sociale è più importante di ogni logica di business”.

Nella giornata di sciopero saranno previsti due presidi con volantinaggio, con orario 10-18: uno davanti al Comune di Genova, l’altro all’ingresso dei Parchi di Nervi, rispettivamente in concomitanza con il Consiglio comunale e l’inaugurazione di Euroflora.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi