I dati Federfarma sulla spesa farmaci 2017: ancora in calo (- 1,9%) la convenzionata

I dati Federfarma sulla spesa farmaci 2017: ancora in calo (- 1,9%) la convenzionata

Roma, 15 maggio – Una flessione secca di quasi due punti percentuali (-1,9%) rispetto al 2016, frutto del calo del numero delle ricette (-1,2% rispetto al 2016) e alla riduzione del valore medio della ricetta stessa e quindi del prezzo medio dei farmaci prescritti in regime convenzionale (- 0,7%). Questi i dati di sintesi più rilevanti sull’andamento della spesa farmaceutica Ssn diffusi da Federfarma e pubblicati sul sito del sindacato dei titolari nella sezione dedicata alla spesa farmaceutica.
Se calano spesa e consumi in farmacia, nel 2017 si registra per contro un considerevole incremento della spesa e del numero di confezioni di farmaci (rispettivamente del +13,3% e del +11%) erogati in Dpc  e un aumento, anch’esso significativo (+3,9%) della spesa complessiva per i farmaci in distribuzione diretta.

Federfarma, in particolare, sottolinea il rilevante contributo che le farmacie di comunità continuano ad assicurare al contenimento dei costi: oltre al contributo attivo per la diffusione degli equivalenti e alla fornitura gratuita al Ssn di tutti i dati sui farmaci Ssn, dalle farmacie sono arrivati nel 2017  415 milioni di euro provenienti dallo sconto per fasce di prezzo, ai quali si sommano circa 67 milioni di euro derivanti dalla quota dello 0,64% di cosiddetto pay-back, posto a carico delle farmacie a partire dal 1° marzo 2007 e sempre prorogato, volto a compensare la mancata riduzione del 5% del prezzo di una serie di medicinali.
Oneri pesanti, osserva Federfarma, ai quali dal 31 luglio 2010, la trattenuta dell’1,82% sulla spesa farmaceutica, aumentata, da luglio 2012, al 2,25%. Una trattenuta aggiuntiva che, calcola il sindacato dei titolari, ha comportato per le farmacie un ulteriore onere quantificabile nel periodo in esame in circa 188 milioni di euro.

Tirando le somme, il contributo diretto delle farmacie al contenimento della spesa, nel 2017, è stato pari a circa 670 milioni di euro.
Con le farmacie, continuano a pagare sempre di più anche i cittadini: prosegue, inffatti, il trend di aumento delle quote di partecipazione a carico dei cittadini, la cui incidenza sulla spesa lorda è passata dal 14,2% del 2016 al 14,4% del 2017.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi