Roma, truffa da 1,3 milioni di euro sui prodotti gluten free, due arresti

Roma, truffa da 1,3 milioni di euro sui prodotti gluten free, due arresti

Roma, 24 luglio Attestavano con false dichiarazioni la vendita di prodotti per celiaci,  intascando illegalmente i rimborsi spese. Con l’accusa di truffa ai danni del Servizio sanitario nazionale sono stati tratti in arresto a Roma due imprenditori, nell’ambito di un’operazione dei carabinieri del Nas denominata “Gluten free”.

Quattro le persone indagate, due delle quali sono finite ai domiciliari: si tratta dei titolari di tre punti vendita dedicati agli alimenti senza glutine. Tra gli arrestati, riferiscono le cronache, anche uno dei leader romani del movimento di estrema destra Forza nuova, Giuliano Castellino.

Le indagini dei Nas, coordinate dal procuratore aggiunto Paolo Ielo e dal pm Alberto Pioletti, hanno avuto inizio nel novembre dello scorso anno, dopo le denunce di quattro dirigenti di altrettante Asl romane. Allertati da centinaia di richieste di rimborso spese che apparivano anomale,  i funzionari pubblici hanno segnalato il fenomeno e consegnato alla magistratura tutti i documenti sospetti, in particolare i buoni di acquisto che il Ssn fornisce alle persone affette da celiachia per acquistare gratuitamente prodotti gluten free, compilati con i nomi dei pazienti e dei medici. Carte che si sarebbero più di un milione e trecentomila euro in soli sei mesi mentre, che avrebbero potuto essere di più se a dicembre, a indagini già partite, non fosse stato bloccato il pagamento di altri seicentomila euro.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi