Approvata la bozza del Milleproroghe,  slitta di tre mesi la ricetta veterinaria

Approvata la bozza del Milleproroghe, slitta di tre mesi la ricetta veterinaria

Roma, 25 luglioApprovata “con unanimità piena”, come ha comunicato il capo del Governo Giuseppe Conte (nella foto) al termine del Consiglio dei Ministri di ieri, la bozza del decreto Milleproroghe che contiene, tra le altre misure,  il differimento dal 1° settembre al 1° dicembre 2018 del termine di decorrenza dell’obbligatorietà della ricetta veterinaria elettronica.

Come auspicato e richiesto dalle farmacie e dagli stessi veterinari, dunque, slitta di  tre mesi l’obbligo dell’uso della Rev, la prescrizione medico veterinaria elettronica per la prescrizione sia di medicinali veterinari che di mangimi medicati.

In verità, gli operatori avevano chiesto una finestra di tempo ancora più ampia, necessaria – come spiegato da Federfarma e Assofarm in una nota inviata al ministero della Salute  – per poter provvedere all’aggiornamento dei gestionali delle farmacie necessario “per poter  correttamente adempiere ai loro obblighi professionali”.

La richiesta di rinvio, però, non era stata accolta dal dicastero, che – come riferito ieri da RIFday – ha invece comunicato a Federfarma le modalità per le farmacie di richiedere credenziali ad hoc su un sito dedicato (www.ricettaelettronicaveterinaria.it) dove, oltre alla possibilità di chiedere un account, è stata anche inclusa “una sezione di carattere informativo, sviluppata dall’Istituto Zooprofilattico di Teramo, che spiega le caratteristiche, anche dal punto di vista tecnico e informatico, della ricetta elettronica veterinaria”.

La questione della richiesta e conseguente acquisizione di credenziali da parte di ogni singola farmacia, tuttavia,  “non è banale”, ha osservato Federfarma, per la quale la soluzione prospettata dal Ministero “non è soddisfacente”, oltre a presentare problemi di fattibilità. La via maestra, per il sindacato dei titolari di farmacia, resta l’integrazione dei sistemi Rev e Tessera sanitaria, che però ha bisogno di tempo per essere realizzata.

Grazie al Milleproproghe, si potrà disporre di tre mesi in più. Resta da vedere se basteranno.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi