Farbanca, risultati positivi per la prima semestrale autonoma

Farbanca, risultati positivi per la prima semestrale autonoma

Roma, 7 settembre – Il Consiglio di amministrazione di Farbanca S.p.A., l’istituto di credito specializzato nell’offerta di servizi bancari al mondo della farmacia  controllato dalla Banca Popolare di Vicenza, ha approvato nei giorni scorsi la situazione semestrale al 30 giugno 2018.
Lo rende noto un comunicato dello stesso istituto, che dettaglia i risultati positivi conseguiti dei prime sei mesi dell’anno, a partire da un utile netto a 3,1 milioni di euro, in linea rispetto al 30 giugno 2017 e in crescita del 15% rispetto al 30 giugno 2016, e dalle nuove erogazioni al settore della farmacia, pari a circa 45 milioni di euro.
Il patrimonio netto dell’istituto è attestato a 60,7 milioni, con Tier 1 ratio  pari al 14,00%. Gli impieghi sono saliti a 555 milioni di Euro (+ 2 % rispetto al 31 dicembre 2017) e la raccolta diretta complessiva a 476 milioni (+3,1% rispetto al 31 dicembre 2017).
Improntato a soddisfazione il commento dell’amministratore delegato Giampiero Bernardelle (nella foto)“I risultati al 30 giugno 2018 sono di fatto la prima semestrale con la Banca totalmente autonoma sul mercato, che ha saputo quindi darsi in brevissimo tempo organizzazione e struttura necessari per questo nuovo status, vedasi ad esempio l’operazione di cartolarizzazione per oltre 460 milioni di euro, la prima nella storia per Farbanca come banca autonoma“.
“Tutto questo ha generato importanti sforzi sia operativi che economici” prosegue Bernadelle “che non hanno minimamente minato l’iter di successo dell’Istituto. Sono quindi risultati di soddisfazione, che confermano anche il costante sostegno che il nostro Istituto continua a dare al mondo della farmacia, ottenuti mantenendo invariata l’attenzione alla qualità del credito, che ci porta ad avere un rapporto tra crediti deteriorati netti e crediti netti pari all’ 1,71% (era 1,92% al 31 dicembre 2017) e un indice di copertura dei crediti deteriorati del 67,47% (era 65,56% al 31 dicembre 2017), i
n un contesto di solidità patrimoniale rappresentata da un indice CET1 al 14,00% (era 14,50% al 30 giugno 2017)”.
“Sono numeri importanti” conclude l’Ad di Farbanca “che ci consentono di guardare fiduciosi alle nuove sfide del presente e del futuro”.

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi