Nomina Dg Aifa, arriva la fumata bianca delle Regioni per Li Bassi

Nomina Dg Aifa, arriva la fumata bianca delle Regioni per Li Bassi

Roma, 14 settembre – Fumata bianca delle Regioni alla nomina di Luca Li Bassi (nella foto) a direttore generale di Aifa, proposta dalla ministra della Salute Giulia Grillo. Il parere favorevole è aarivato nel corso della seduta straordinaria della Conferenza delle Regioni tenutasi ieri a Roma. Ad annunciare il risultato è stato il vicepresidente del “parlamentino” delle Regioni, Giovanni Toti, presidente della Liguria.

Dopo la scelta di Li Bassi, comunicata dalla ministra Grillo nell’immediata vigilia della seduta ordinaria della Conferenza delle Regioni dello scorso 6 settembre, i presidenti regionali avevano chiesto chiesto al Governo, spiega Toti, “la cortesia istituzionale di lasciare alle Regioni il tempo di approfondire ed esprimersi con contezza. Abbiamo acquisito il curriculum ed espresso il parere favorevole. Invece sulla nomina del presidente dell’Aifa ci sarà un’intesa che discuteremo con il governo”.

Il parere espresso ieri dalla Conferenza, oltre al via libera all’insediamento di Li Bassi alla direzione generale dell’agenzia regolatoria nazionale, contine anche  un invito al Governo a “completare in tempi rapidi la procedura di ricostituzione della Commissione consultiva tecnico-scientifica e del Comitato prezzi e rimborso dell’Aifa già scaduti” e a “procedere a una riforma complessiva della governance degli enti vigilati dal Ministero della Salute, ivi compresa l’Aifa”.

Al parere favorevole delle Regioni sono subito seguiti gli auguri di buon lavoro (prime su tutti) delle sigle delle aziende del farmaco, Farmindustria e Assogenerici, che – come da prassi – offrono al nuovo Dg Aifa la “massima collaborazione”.

Dicendosi certo che la grande esperienza, sia nazionale sia internazionale nella sanità di Li Bassi  “garantirà la migliore funzionalità dell’agenzia, assolutamente fondamentale per offrire le cure più ampie ai pazienti, per tutelare il patrimonio del Ssn e consolidare e attrarre sempre nuovi investimenti in ricerca e produzione in Italia”  il presidente di Farmindustria Massimo Scaccabarozzi assicura “la collaborazione per costruire, nel rispetto dei ruoli, una nuova governance in grado di trovare il giusto equilibrio tra sostenibilità e accesso all’innovazione”.

Anche a Enrique Häuserman, numero uno di Assogenerici, ha affidato il suo saluto a un comunicato: “Auspico che si possano intensificare momenti di incontro e confronto con l’agenzia, punto di riferimento per la nostra industria” ha detto il presidente delle aziende di farmaci equivalenti, ricordando cheAssogenerici  ha avviato con l’agenzia un dialogo ed un confronto serrato sulla necessaria ed urgente revisione delle procedure interne e delle linee guida ai fini della semplificazione delle procedure di rilascio delle Aic e rimborsabilità dei farmaci equivalenti. Ci auguriamo che questo confronto possa proseguire e ampliarsi in futuro abbracciando tutti i temi riferiti alla governance farmaceutica”. Inevitabile, in conclusione, l’assicurazione che  “Assogenerici assicura sin d’ora la massima collaborazione”.

Puntuali anche gli auguri di buon lavoro di Federfarma, fatti pervenire al nuovo DG Aifa attraverso unun comunicato diramato nella prima mattinata di oggi. Il sindacato dei titolari, con l’occasione,  “conferma la disponibilità da parte delle farmacie alla massima collaborazione con una iIstituzione che opera a tutela della salute dei cittadini.  Tra le collaborazioni già avviate tra l’Agenzia e le farmacie si registrano, in particolare,  la lotta alla contraffazione dei farmaci e le iniziative per evitare le carenze dei farmaci collegate alle esportazioni parallele”.

La nota si conclude con un opportuno ringraziamento del sindacato delle farmacie private al DG uscente, Mario Melazzini, “che ha guidato l’Agenzia  con professionalità ed impegno dal novembre 2016”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi