Trasparenza in sanità, audizione Federfarma: “Per le farmacie è già un punto di forza”

Trasparenza in sanità, audizione Federfarma: “Per le farmacie è già un punto di forza”

Roma, 11 ottobre –  Anche Federfarma  è stata coinvolta nel ciclo di audizioni che Commissione Affari sociali di Montecitorio sta conducendo dal mese scorso sulla proposta di legge  A.C. n. 491 in materia di trasparenza dei rapporti tra imprese produttrici, operatori del settore salute e organizzazioni sanitarie, primo firmatario il deputato pentastellato Massimo Enrico Baroni.

A rappresentare le posizioni del sindacato nazionale dei titolari è stato il presidente di Federfarma, Marco Cossolo (nella foto), che ha manifestato apprezzamento per  l’iniziativa legislativa, anche in ragione della situazione in cui operano le farmacie, che  “agiscono con rapporti di trasparenza nei confronti della Pubblica amministrazione per quello che riguarda i dati di vendita del farmaco”.

La trasparenza appartiene al dna di Federfarma” ha detto Cossolo ai membri della Commissione, ricordando che per le farmacie essa rappresenta “un punto di forza nel rapporto con il Ssn, tant’è che rispetto alla spesa sanitaria convenzionata è chiaro a tutti quella che è stata finora la spesa farmaceutica”.

Il presidente di Federfarma, nello specifico, ha però  chiesto chiarimenti “circa l’eventuale coinvolgimento di Federfarma stessa e delle farmacie convenzionate, per capire se la legge riguarderà solo Federfarma o anche la singola farmacia perché  l’aspetto si riflette in automatico sull’operatività degli esercizi stessi”.

Cossolo ha anche avanzato la contestuale richiesta di specificazioni in ordine al soggetto a cui è in carico il conferimento dei dati e, sempre in tema di trasparenza, ha chiesto delucidazioni sull’art. 3 del testo in esame, laddove obbliga a rendere pubbliche “le convenzioni e le erogazioni in denaro, beni, servizi o altre utilità effettuate da un’impresa produttrice in favore… di un soggetto che opera nel settore della salute, quando abbiano un valore unitario maggiore di 10 euro o un valore complessivo annuo maggiore di 100 euro”.  A destare perplessità, ha spiegato il presidente di Federfarma, è la soglia dei 10 euro, considerando che il valore dei materiali promozionali che le aziende inviano alle farmacie per quanto riguarda Sop e Otc è in genere superiore.

Cossolo  ha anche voluto sottolineare che in merito alla partecipazione azionaria (art. 4 della proposta di legge) , “va distinta quella finalizzata al risparmio dall’attività, svolta dal singolo professionista per gestire il proprio risparmio privato, da quella di carattere puramente imprenditoriale”.

Sempre ieri, sono stati sentiti anche i rappresentanti della Fimmg, la federazione dei medici di medicina generale presieduta da Silvestro Scotti, anch’essi favorevoli al provvedimento.  “Qualunque strada verso la trasparenza dei rapporti è un’ottima cosa” hanno affermato i Mmg,  precisando però che – per quanto riguarda la parte della legge che prevede che il singolo soggetto che ha rapporti con il Ssn, quindi anche il medico di medicina generale, deve comunicare l’acquisizione di quote azionarie di aziende che hanno contatti con il Servizio sanitario stesso,  hanno chiesto ai commissari che “la normativa non si trasformi in un sistema di sfiducia verso la figura del medico che, per quanto ci riguarda, non ha più da decenni quelle caratteristiche che si potrebbero fraintendere in una situazione del genere”.
“Per quanto ci riguarda noi non abbiamo mai sfruttato la possibilità di indirizzare le scelte verso determinati farmaci”  ha sottolineato ancora la Fimmg “tanto che l’apposizione del timbro non sostituibile sulle impegnative non viene usata a livello nazionale”.

Questa mattina alla 9.30, la Commissione Affari sociali, sempre nell’ambito dell’esame della proposta di legge recante “Disposizioni in materia di trasparenza dei rapporti tra le imprese produttrici, i soggetti che operano nel settore della salute e le organizzazioni sanitarie”, ha audito i rappresentanti di Farmindustria. L’appuntamento viene trasmesso in diretta webtv.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi