Sapienza di Roma, quattro master (e due specializzazioni) nell’offerta post lauream

Sapienza di Roma, quattro master (e due specializzazioni) nell’offerta post lauream

Roma, 7 novembre – Un carnet ricco, quello delle opportunità formative post lauream offerto dalla Sapienza, la prima università della Capitale, per l’anno accademico 2018-19: attraverso quattro master di II livello e due Scuole di specializzazione, il Dipartimento di Chimica e Tecnologie del Farmaco conferma infatti il suo importante ruolo anche nella formazione successiva alla laurea, con un’offerta didattica di altissima specializzazione destinata a circa 80 laureati all’anno.

I corsi attivati sono preziose opportunità di studio e di alta formazione in grado di fornire una concreta risposta alle esigenze dei laureati in Farmacia e CTF, in ambiti di grande rilievo professionale che appaiono strategici per garantire un più ampio ventaglio di opportunità lavorative” spiega Maria Carafa, docente di Tecnologia, Socioeconomia e Legislazione farmaceutiche dell’Ateneo romano e direttore del master “Preparazioni magistrali galeniche per uso umano e veterinario”. “Attraverso attività di didattica frontale, in aula e in laboratorio, e stage presso aziende del settore o enti di ricerca, i master si propongono di realizzare un percorso volto alla formazione di specialisti qualificati in settori cruciali del settore farmaceutico”.

I quattro master di secondo livello sono infatti destinati alle figure professionali ad alta specializzzionie nei campi dello sviluppo, produzione, controllo e distribuzione dei prodotti nutraceutici e cosmeceutici (Il Manager chiave nell’azienda nutraceutica e cosmeceutica), dello sviluppo, produzione, controllo e distribuzione dei medicinali (Metodologie farmaceutiche industriali),  dell’allestimento, controllo e dispensazione di formule magistrali e officinali (il già ricordato Preparazioni magistrali galeniche per uso umano e veterinario diretto dalla prof. Carafa)  e, infine, dei radiofarmaci impiegati in Medicina nucleare come agenti diagnostici o terapeutici (Scienza e tecnologia dei radiofarmaci).

La frequenza ai master esonera dall’obbligo dei crediti Ecm, al quale sono assoggettati i professionisti  sanitari (medici, farmacisti, psicologi,).

Le due Scuole di specializzazione (Farmacia ospedalieraValutazione e gestione del rischio chimico) completano il panorama di un percorso formativo post lauream attento a tutte le esigenze e alle peculiarità dell’arte farmaceutica nelle sue molteplici declinazioni, in azienda e nelle strutture del Servizio sanitario.

Ma c’è anche un altro plus assicurato dalla presenza dei corsi di alta formazione: “È quello legato allo sviluppo di relazioni e collaborazioni molto strette con realtà del mondo del lavoro” spiega Carafa. “Mi riferisco, solo per fare qualche esempio, a  ordini professionali, piccole, medie e grandi imprese, aziende ospedaliere, enti pubblici e privati, tra i quali Cnr, Iss, Inail, Irccs ed Eni. L’interlocuzione diretta che le proposte post lauream del nostro Dipartimento consentono di avviare con soggetti così importanti, al di là di ogni altra considerazione, offre infatti una straordinaria occasione per cominciare a misurarsi e a parlare la stessa lingua della realtà viva che attende i laureati fuori dall’Università”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi