Eurostat, farmacisti in aumento nella Ue. In Italia sono cresciuti del 5% (dati 2016)

Eurostat, farmacisti in aumento nella Ue. In Italia sono cresciuti del 5% (dati 2016)

Roma, 14 gennaio – Sono 450 mila (il corrispettivo dell’intera popolazione di una città come Bologna) i farmacisti che operano nei Paesi dell’Unione europea, in aumento del 5% rispetto alla precedente rilevazione. A fornire il dato, riferito al 2016, è l’Eurostat, in un articolo dedicato alle statistiche riferite anche ai dentisti e ai fisioterapisti. Nella precedente rilevazione, riferita al 2015, i farmacisti erano 434 mila.
Secondo i dati dell’istituto statistico comunitario, nel nostro Paese si contavano nel 2016  70.074 farmacisti, pari a 116 professionisti ogni 100mila abitanti (erano 115 nella rilevazione precedente).  Si tratta di un dato inferiore a quello registrato  da Malta (133 su 100 mila abitani), Belgio (123) e Spagna (121), e praticamente in linea con quelli di Lituania (114) e Irlanda (113).  La maggior parte degli Stati membri si attesta tra  i 60 e 110 farmacisti per 100 mila abitanti, ad eccezione di Danimarca (51) e i Paesi Bassi (21), dove il rapporto, come si può evincere, è decisamente inferiore.
Gli aumenti più consistenti di farmacisti nel 2016 si sono registrati tra il 2011 e il 2016 soprattutto a Cipro e Malta. Aumenti più contenuti anche il Spagna, Romania, Lettonia e Ungheria, oltre che quello già ricordato (pari al 5%) del nostro Paese.
In diminuzione, invece, i farmacisti in Lussemburgo, Finlandia, Svezia e Francia.
Print Friendly, PDF & Email
Condividi