Polemiche su nomine Css, Grillo non arretra: “Competenza unico criterio della scelta”

Polemiche su nomine Css, Grillo non arretra: “Competenza unico criterio della scelta”

Roma, 7 febbraio – Il Governo non ci sta e replica punto su punto alle polemiche seguite al decreto di nomina dei membri non di diritto del Consiglio superiore di sanitàsollevate da molti ambienti professionali e scientifici e riferiti per buona parte alla scarsa presenza femminile, al numero preponderante di rappresentanti del mondo universitario e alla presenza di scienziati”colpevoli” di aver dato credito a Davide Vannoni e al suo truffaldino metodo Stamina.

La ministra Giulia Grillo (nella foto) non arretra però di un millimetro: “Nessuno spazio alla spartizione politica, basta guardare il ranking dal quale sono stati estratti i nomi degli esperti in base alle pubblicazioni sulle maggiori riviste scientifiche. Un lavoro schematico, trasparente, io neppure li conoscevo se non di fama. Così ho parato colpi e critiche” ha dichiarato la titolare del dicastero in un’intervista pubblicata ieri dal Corriere della Sera, che ha respinto anche i rilievi relativi alla ridottissima (sono 3 su 30) presenza di donne. “Non ho guardato al sesso” ha detto Grillo “noi come movimento politico non siamo per le quote rosa. Conta la capacità, che prescinde dall’essere maschio o femmina. Sarebbe potuto succedere il contrario se nella classifica dei top scientist avessimo trovato figure di donne. Per quanto mi riguarda, preferirei essere selezionata su questa base e non per genere”. 

Concetti che la ministra ha poi replicato  qualche ora dopo in un comunicato stampa ufficiale dove, ribadita la piena fiducia e stima nei confronti di tutti i nuovi componenti non di diritto del Css e rivendicata ogni nomina, con l’augurio “di poter assolvere al meglio il compito a cui sono chiamati”, la ministra ha rispedito al mittente “le polemiche riportate sulla stampa che rispondono a logiche politiche e non scientifiche e cavalcate da esponenti delle opposizioni in cerca di visibilità”, assicurando che il Css  “svolgerà la sua alta missione in autonomia e in totale ossequio ai principi della scienza”.

A Grillo ha fatto eco il sottosegretario con delega alla Ricerca, Armando Bartolazzi: “È inconfutabile che i nomi che siederanno nel nuovo Css sono di profilo elevatissimo. Mai questo Consiglio ha avuto un così alto valore complessivo dell’H-index, il parametro che misura il “peso” della produzione scientifica degli scienziati a livello internazionale”.  Bartolazzi si è quindi detto “stupito e anche deluso dal comportamento immaturo e sconsiderato di chi, pur di gettare discredito verso una parte politica sgradita, attacchi scienziati che rappresentano nel mondo il meglio del nostro Paese. Questi attacchi squalificano chi li fa”.

In ordine alle polemiche realtive alla nomina di Camillo Ricordi (lo scienziato accusato di aver  dato aperture di credito al metodo Stamina), il comunicato stmapa del ministero riporta le comunicazioni che lo stesso Ricordi ha trasmesso alla ministra per chiarire i termini della questione.

“Non ho mai detto di essere a favore di Vannoni o del Metodo Stamina, ma ero favorevole alla verifica rigorosa scientifica del prodotto cellulare ottenuto con tale metodo” spiega Ricordi nella sua nota alla ministra. “Avevo offerto una verifica scientifica indipendente, perché il centro che dirigo a Miami si occupa di questo tipo di controlli per distinguere i venditori di fumo dalle speranze reali di nuovi trattamenti. 

“Non ho mai messo a disposizione di Vannoni i laboratori di Miami, ma ho messo a disposizione del ministero della Salute la possibilità di utilizzare il nostro Fast Track Center For Testing per fare test di qualità e di verifica dei prodotti cellulari” continua Ricordi, che poi conclude annunciando che “su www.clinicaltrials.gov ci sono oggi ben 21 trial clinici su cellule mesenchimali staminali (Msc) nel trattamento della SLA e anche nel mio centro ne stiamo avviando un trial clinico per l’utilizzo di queste cellule nelle malattie neurodegenerative”.

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi