Ricerca, Farmindustria: “Agire su regole per attrarre fondi”. De Vincenti: “Ci stiamo lavorando”

Ricerca, Farmindustria: “Agire su regole per attrarre fondi”. De Vincenti: “Ci stiamo lavorando”

Roma, 28 aprile – Perché l’Italia possa attrarre finanziamenti per la ricerca “bisogna anzitutto agire sulla parte regolatoria del sistema”.

Lo ha sottolineato il presidente di Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi, intervenendo ieri a Roma agli Stati generali della ricerca sanitaria.
“Ci sono 100 miliardi a disposizione nel mondo per la ricerca farmaceutica privata, e sarebbe un peccato – ha affermato il presidente di Farmindustria – non attrarli anche in Italia”.
Su questo fronte, ha aggiunto, “stiamo però migliorando, e abbiamo settemila progetti di sviluppo e 45 nuovi farmaci in arrivo. Inoltre, l’Italia detiene il 18% delle quote di ricerca europea negli studi clinici”.
Altro dato positivo, ha concluso, “è anche un’inversione del trend con un aumento del 15% dell’investimento privato in ricerca”.

Al presidente delle aziende del farmaco ha in qualche modo risposto il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Claudio De Vincenti (nella foto), affermando che, proprio per  premiare l’innovatività e rendere il nostro Paese di nuovo attrattivo, “stiamo lavorando per costruire un sistema della governance del sistema farmaceutico che dia una stabilità di regole, anche al fine di attrarre nuovi investimenti”.

“Sarà importante costruire un sistema di health technology assessment” ha precisato  De Vincenti “che faccia da perno per sostenere l’innovazione nel sistema sanitario.”

Print Friendly, PDF & Email
Condividi