Pfizer mette a segno un altro colpo, acquisita Anacor per 5,2 mld di dollari

Pfizer mette a segno un altro colpo, acquisita Anacor per 5,2 mld di dollari

Roma, 17 maggio – Pfizer, con un investimento da 5,2 miliardi di dollari, si “mangia” anche Anacor Pharmaceuticals, società biofarmaceutica incentrata sulla scoperta, sviluppo e commercializzazione di nuove molecole.  Anacor era da tempo da tempo nel mirino  della multinazionale americana, interessata a far entrare nel proprio portafoglio prodotti una molecola della società appena acquisita, il crisaborolo, un gel topico non steroideo attualmente all’esame della Food and drug administration per il trattamento degli eczemi. È

Dopo l’annuncio, il titolo Anacor è salito a Wall Street di oltre il 54%, toccando i 98,95 dollari e avvicinandosi molto al prezzo (99,25 dollari cash) offerto da Pfizer per ogni azione Anacor. Leggera flessione, invece, per il titolo della multinazionale USA, che perde lo lo 0,4%.

Attraverso l’operazione, approvata all’unanimità dai consigli di amministrazione di entrambe le società, Pfizer si appropria dunque dei diritti del crisaborolo, molecola attualmente in attesa di una risposta definitiva da parte dell’Fda per il trattamento della dermatite atopica da lieve a moderata. Secondo le stime di  Pfizer, se approvato, il crisaborolo potrebbe generare un picco di vendite annuali pari ad almeno 2 miliardi di dollari.
L’acquisizione, secondo quanto dichiarato da Albert Bourla, presidente di Global Innovative Pharma e Global Vaccines di Pfizer, supporta la strategia di business nel campo dell’infiammazione e dell’immunologia della multinazionale americana. “Crediamo di essere ben posizionati per massimizzare il potenziale commerciale del farmaco” ha spiegato Bourla “attraverso il rapporto con i pediatri e i medici di medicina generale”.
La chiusura dell’acquisizione di Anacor da parte di Pfizer è soggetta alle consuete condizioni, tra cui il via libera dell’Antitrust USA. Pfizer prevede di completare l’acquisizione nel terzo trimestre 2016.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi