Enpaf, conti in salute: utile 2018 superiore a 109 mln e riserva legale ben sopra i limiti

Enpaf, conti in salute: utile 2018 superiore a 109 mln e riserva legale ben sopra i limiti

Roma, 30 aprile – Decisamente positivo il bilancio 2018 della Fondazione Enpaf,  l’Ente nazionale di previdenza e assistenza farmacistim che ha chiuso l’esercizio relativo allo scorso anno con un utile che si attesta a 109,9 milioni di euro, mentre il patrimonio supera i 2,5 miliardi di euro. La riserva legale – che per legge deve assicurare il pagamento delle pensioni per almeno cinque anni in assenza di contributi – si attesta a 16,3 annualità, garantendo una sostenibilità ben superiore ai limiti imposti dalle leggi vigenti.

“I dati del bilancio, che sarà approvato domani dal Consiglio Nazionale”commenta il presidente della cassa di categoria Emilio Croce (nella foto)  “confermano il rafforzamento del saldo previdenziale, pari a 113,7 milioni di euro, e i trend di crescita verso i nostri obiettivi di efficienza e solidità della gestione, a favore di tutta la categoria. Inoltre, abbiamo varato misure rilevanti nel settore del welfare, assicurando a tutti i nostri iscritti, anche pensionati, l’assistenza sanitaria integrativa per i grandi interventi e la Long term care”.

“È fondamentale”  prosegue Croce “che il Governo accenda i riflettori sulle istanze provenienti dal mondo dei professionisti, soprattutto in un momento in cui si fanno strada dubbi sull’utilità dei corpi intermedi, senza pensare però che questi svolgono un ruolo chiave di collegamento tra il tessuto sociale e le istituzioni”.

Il bilancio mostra che i ricavi per contributi si attestano a 266 milioni di euro (263 milioni nel 2017), mentre il costo delle pensioni passa da 150 a 152 milioni di euro.

“Stiamo lavorano in sintonia con i Ministeri competenti per misure di assistenza e previdenza sempre più efficaci e capaci di rispondere alle richieste che arrivano dal mondo delle professioni. In quest’anno” conclude Croce “è stata introdotta la possibilità di riduzione del contributo per i farmacisti pensionati che ancora esercitano l’attività, e come Enpaf abbiamo promosso un contributo che punta a favorire la creazione di rapporti di lavoro a tempo indeterminato per i farmacisti collaboratori”.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi