Pharmakrymi emette minibond per l’acquisto di parafarmacie e farmacie

Pharmakrymi emette minibond per l’acquisto di parafarmacie e farmacie

Roma, 7 maggio -La società Pharmakrymi spa emette i primi minibond che andranno in quotazione nel mercato Extra Mot (il sistema multilaterale di negoziazione di Borsa Italiana per gli strumenti obbligazionari) con l’obiettivo di realizzare un network di farmacie e parafarmacie a marchio Pulker Farma o Pulker Farma Parafarmacie, con diffusione su tutto il territorio nazionale. I minibond di Pharmakrymi sono emessi per un massimo di due milioni di euro.

A darne notizia è una nota diffusa dall’azienda e rilanciata nei giorni scorsi da diverse fonti di informazione sugli andamenti dei mercati, a partire da Mark Up. Pharmakrymi,  che fa riferimento a Rocco Crimi (già parlamentare di Forza Italia per sei legislature, dal 1994 al 2018,  con importanti incarichi di governo e di partito), possiede attualmente quindici parafarmacie e una farmacia, dislocate in tre città: Roma, Milano, Firenze.

Grazie all’emissione dei minibond la società intende, da un lato, perseguire una strategia di crescita e sviluppo focalizzata sui proprio business di riferimento nel settore delle parafarmacie, mentre dall’altro mira a entrare in maniera più decisa nel canale delle farmacie.

Il piano di acquisizione di nuove farmacie, secondo quanto si legge nella nota diffusa da Pharmakrymi, si focalizzerà sull’acquisto di strutture operanti nelle tre città dove la società è già presente, andando a integrare con i farmaci da prescrizione la propria linea di business, ovvero la vendita del parafarmaco, e facendo sì che il marchio Pulker Farma sia facilmente identificabile con il mondo “salute e bellezza”, quanto meno nelle città presidiate.

Pharmakrymi, che ha  chiuso il 2018 con ricavi pari a 11,3 milioni di euro, è una società controllata al 75,86% da Laboratori Farmaceutici Krymi spa, di proprietà di Rocco Crimi. Il 15,16% della società è controllata da Innexto Sicav Sif (organismo di investimento collettivo che opera in Lussemburgo), mentre il 9% della proprietà è in mano a Maria Ester Marinaro, moglie di Crimi.

Rocco Crimi è fratello di Vincenzo, titolare della catena di parafarmacie e farmacie Farmacrimi, acquisite a fine novembre 2018 daF2i,  il più grande fondo chiuso di investimento in Italia e uno dei maggiori in Europa, grazie alla gestione di asset per circa 5 miliardi di euro investiti in un settore chiave dell’economia italiana qual è quello delle infrastrutture. Il Fondo (che è partecipato dalla Cassa Depositi e prestiti)  non ha fatto mistero, proprio in occasione dell’acquisizione di Farmacrimi,  di essere interessato a entrare nel mercato distributivo farmaceutico, anche con ulteriori acquisizioni.

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi