Assemblea mondiale Oms, Italia sostiene sua proposta di risoluzione su trasparenza farmaci

Assemblea mondiale Oms, Italia sostiene sua proposta di risoluzione su trasparenza farmaci

Roma, 21 maggio – Si è aperta ieri a Ginevra la 72ma Assemblea mondiale della Salute, il principale organo decisionale dell’Organizzazione mondiale della sanità, che riunirà al Palazzo delle Nazioni Unite, fino al prossimo 28 maggio, le delegazioni dei 194 Stati membri dell’organizzazione.

La delegazione italiana, guidata dal sottosegretario alla Salute Armando Bartolazzi (nella foto)e della quale fanno parte tra gli altri il direttore generale dell’Aifa Luca Li Bassi e il segretario generale del ministero Giuseppe Ruocco, sarà particolarmente impegnata a sostenere la proposta di  di risoluzione dell’Assemblea Mondiale della Salute, promossa proprio dal nostro Paese, sulla trasparenza delle contrattazioni dei medicinali, dei vaccini e delle altre tecnologie della salute. Al proposito, ha co-organizzato con la Repubblica di Corea un side-event ufficiale sullo stesso tema, denominato WHA72.

“La trasparenza dei costi e prezzi dei farmaci è un obiettivo globale” sostiene Bartolazzi. “Nessun cambiamento si può ottenere da soli. Tutti gli Stati devono lavorare insieme per la salute dei cittadini. L’obiettivo è definire un corretto prezzo di riferimento su cui negoziare”.

Un ulteriore side-event intitolato Nutrition4Health, questa volta co-organizzato con il Bangladesh, affronterà il legame tra nutrizione, salute e malattie non trasmissibili, sottolineando l’importanza delle diete tradizionali, salutari e sostenibili, come la dieta mediterranea.

L’Assemblea mondiale della Salute costituisce un forum unico e privilegiato di confronto, a livello internazionale, sui principali temi relativi alla salute globale. L’agenda include temi di assoluta attualità: oltre alle questioni inerenti al bilancio dell’Oms e alla riforma della sua governance, legati al 13° Programma generale di lavoro promosso dal direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus, le delegazioni nazionali saranno chiamate a discutere, tra gli altri temi, di accesso ai medicinali, dei programmi sanitari di emergenza (come quello volto a fronteggiare l’epidemia di Ebola), di malattie non trasmissibili e dei preparativi per l’evento di alto livello dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite sulla copertura sanitaria universale.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi