Giornata nazionale del Sollievo 2019, oggi al ministero la presentazione

Giornata nazionale del Sollievo 2019, oggi al ministero la presentazione

Roma, 23 maggio – Sarà presentata oggi a Roma, nell’Auditorium del ministero della Salute  di Lungotevere Ripa, la XVIII Giornata nazionale del Sollievo, che sarà celebrata in tutta Italia domenica 26 maggio, indetta e organizzata dalla Fondazione nazionale Gigi Ghirotti onlus con il patrocinio di Ministero della Salute,  Conferenza delle Regioni e Federfarma.

Al termine dell’ormai tradizionale “vernissage” della Giornata,  sarà attribuito il riconoscimento “Gerbera d’oro” 2019, giunto alla XII edizione. Un “premio simbolico” che Fondazione Ghirotti e Conferenza delle Regioni attribuiscono a una struttura sanitaria o a un istituto di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs) – scelto da una apposita commissione tecnica tra le diverse segnalazioni pervenute, 30 progetti con le relative documentazioni –  che si è particolarmente distinto nell’affrancamento dal dolore inutile, alleviando la sofferenza non solo attraverso le terapie più avanzate, ma anche con il sostegno psicologico e la capacità di rapportarsi umanamente.
Sarà anche presentato un dossier che raccoglie gli eventi (censiti dalla Segreteria della Conferenza delle Regioni) che si stanno realizzando e si realizzeranno sul territorio, nelle diverse Regioni, proprio in occasione della Giornata nazionale del Sollievo.
Le Regioni saranno rappresentate oggi dall’assessore alla Salute del Piemonte Antonio Saitta, coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni, che spiega come la presentazione della Giornata del Sollievo consenta di fare il punto sulle politiche socio sanitarie per la diffusione delle cure palliative e la lotta al dolore e sia anche  “l’occasione per un confronto puntuale sulle best practices per l’umanizzazione delle cure realizzate sul territorio”.
“C’è stato negli anni un impegno costante portato avanti dalle Regioni e dal Governo per l’applicazione della Legge 38 del 2010 sulle cure palliative e la terapia del dolore” osserva Saitta. “Molti passi in avanti sono stati compiuti, ma c’è ancora molto da fare. Segno evidente che in questo delicato settore non è possibile abbassare la guardia”.
Print Friendly, PDF & Email
Condividi