Aifa sui farmaci senza fustella di provenienza illecita: “In Italia nessuna segnalazione”

Aifa sui farmaci senza fustella di provenienza illecita: “In Italia nessuna segnalazione”

Roma, 15 luglio -Dopo accurati controlli condotti nelle ultime due settimane, sia nei Paesi dell’Unione europea sia sul territorio nazionale,  a oggi non risultano segnalazioni nella rete di distribuzione al pubblico italiana di farmaci privi di bollino a lettura ottica. A livello europeo, inolte, il caso di farmaci illegalmente esportati e senza bollino risulta essere limitato solo al Regno Unito.

Queste le precisazioni che l’Aifa si è affrettata a diramare dopo l’allerta diffuso nei giorni scorsi e largamente ripreso da giornali e organi d’informazione relativo a quattro farmaci (Clexane, Neupro, Vimpat e Spiriva) rinvenuti nel Regno Unito con confezioni in lingua italiana non provviste di bollino e quindi di sospetta provenienza illecita.

“I sistemi di sicurezza presenti nel nostro Paese”  si legge in una nota dell’Agenzia regolatoria nazionale  “consentono un monitoraggio attento e accurato della movimentazione dei farmaci, incluso di prodotti falsificati o illegali. Aifa assicura un monitoraggio continuo in stretta collaborazione con il Ministero della Salute e con il Comando Carabinieri per la Tutela della Salute. Si ringraziano i distributori e le associazioni di categoria per la collaborazione e l’attenzione dimostrata anche in questa circostanza”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi