Farmacap, avviso alla Raggi: i sindacati pronti allo sciopero

Farmacap, avviso alla Raggi: i sindacati pronti allo sciopero

Roma, 20 luglio – Vicenda Farmacap, i sindacati dei dipendenti alzano il livello dello scontro. Dopo il presidio- assemblea generale tenutosi l’altro ieri, 18 luglio, a Piazza del Campidoglio a Roma, con una grande partecipazione dei dipendenti dell’azienda delle farmacie comunali capitoline (che potevano usufruire del diritto al permesso retribuito per assemblea sindacale), le sigle dei lavoratori lanciano quello che, in un comunicato sindacale. definiscono un “forte messaggio per la Giunta Raggi”: o arrivano subito segnali concreti della volontà di risolvere i gravi problemi dell’azienda o sarà sciopero.
“Il timore concreto è che quest’azienda venga abbandonata al dissesto finanziario, con la successiva vendita a capitali privati, per quali Farmacap è sempre stata un boccone prelibato (una rete di 45 farmacie con 10 sportelli sociali sul territorio romano)” scrivono Rsa, Filcams, Fisascat e Uiltucs. “Il tutto a carico e a discapito della cittadinanza, che verrebbe così privata di un patrimonio pubblico, che dovrebbe solo essere valorizzato e potenziato. Della stessa cittadinanza verso la quale ci scusiamo per aver arrecato un disagio (alcune delle farmacie comunali sono rimaste chiuse qualche ora per la partecipazione all’assemblea dei farmacisti, NdR) ma che ha compreso che un piccolo disagio oggi serve ad evitare un disagio ben più grande domani”.
La richiesta alla sindaca e alla Giunta di Roma è quella di assumere subito decisioni coerenti con quanto deciso nella mozione n. 45, approvata all’unanimità dal Consiglio comunale il 7 maggio scorso: provvedere, nel più breve tempo possibile, alla nomina del Consiglio di amministrazione e di un nuovo direttore generale “all’altezza della situazione e con le necessarie competenze”,  predisporre un piano industriale, procedere a un piano di assunzioni per far fronte alla carenza in organico di almeno 30 professionisti abilitati e fornire indicazioni politiche e operative chiare da parte del Comune di Roma Capitale. “Condizioni” scrivono i sindacati “necessarie non solo ad un vero rilancio ma alla sopravvivenza stessa di Farmacap”.
Nel corso del presidio di giovedì scorso in Piazza del Campidoglio sono intervenuti diversi consiglieri comunali di maggioranza e opposizione, dai quali è arrivato l’impegno a convocare un incontro ufficiale, in Campidoglio, il prossimo 26 luglio, nel quale discutere in modo articolato e approfondito “delle problematiche aziendali e delle soluzioni messe in campo dalla Giunta, nella piena consapevolezza che, a oggi, nessuna soluzione si è concretizzata per mettere fine al commissariamento e alla grave situazione di decadenza che come lavoratrici/ori si vive quotidianamente”.
“È stato ribadito che non è con le parole e le promesse che si supera questa situazione” concludono i sindacati, affermando di essere pronti – come dimostra pienamente il successo del presidio del 18 luglio di essere “pronti allo sciopero”.

Sulla questione sono intervenuti con una nota Giulio Pelonzi e Valeria Baglio, capogruppo e  consigliera Pd in Campidoglio: “Tanto per cambiare, l’Amministrazione comunale resta inerte di fronte alle grandi questioni che riguardano i problemi di Roma e delle aziende municipalizzate e lascia col fiato sospeso centinaia di lavoratori” scrivono i due rappresentanti dell’opposizione. “Dopo il caos rifiuti e la gestione disastrata di tutti i servizi della città, ora a trovarsi in stallo senza posizioni da parte dell’Amministrazione capitolina è l’azienda Farmacap. Da mesi la Giunta deve dare risposte sul rilancio, sul Piano aziendale, sulle prospettive dei lavoratori e, da mesi, nonostante gli annunci e gli impegni presi in Assemblea capitolina, su questo fronte regna il silenzio assoluto”.

Oltre alla loro adesione alle ragioni dell’ assemblea/presidio per la difesa di Farmacap e per la salvaguardia dei posti di lavoro cdel 18 luglio, Pelonzi e Baglio anche annunciato l’impegno a presentare “un’interrogazione urgente alla sindaca per sapere che intenzioni ha la sua Giunta per il futuro di questa preziosa azienda capitolina”.

RSA Farmacap
FILCAMS-CGIL, FISASCAT-CISL, UILTuCS-UIL, USI

Print Friendly, PDF & Email
Condividi