Litaliana Zambon acquista Breath Therapeutics, sul piatto 140 mln di euro

Litaliana Zambon acquista Breath Therapeutics, sul piatto 140 mln di euro

Roma, 26 luglio –  Con l’acquisizione di Breath Therapeutics, la più grande nei suoi 113 anni di storia, Zambon amplia la propria presenza nell’area delle malattie respiratorie gravi e completa la propria pipeline in fase avanzata con il trattamento della Sindrome da bronchiolite obliterante. Con questa operazione da 140 milioni di euro – con la possibilità di arrivare a un totale di 500 milioni al raggiungimento di obiettivi regolatori e commerciali – il gruppo nato a Vicenza e con sede a Bresso (Milano) conferma la visione della propria strategia di crescita che, da alcuni anni, si concentra su globalizzazione crescente e investimenti mirati in specialty care.

ne riferisce un lancio dell’agenzia Askanews, precisando che a vendere Breath Therapeutics è Sofinnova Partners, una delle principali società europee di venture capital specializzata nel settore delle life science. Sofinnova Partners esce da Breath Therapeutics dopo due anni e mezzo in cui ha contribuito allo sviluppo dell’azienda anche attraverso un finanziamento co-lead Series A da 43,5 milioni insieme a Gimv.

“Sono orgoglioso di annunciare l’acquisizione di Breath Therapeutics”  ha commentato Roberto Tascione (nella foto), chief executive officer di Zambon.  “Questo importante accordo, il più grande della nostra storia, dimostra l’impegno di Zambon nell’area delle malattie respiratorie gravi, ampliando la nostra offerta di soluzioni per malattie senza cura e arricchendo la nostra pipeline a livello globale. La Sindrome da bronchiolite obliterante è una condizione fortemente debilitante. Attraverso la nostra ampia presenza geografica, le nostre competenze di ricerca e le consolidate relazioni con la comunità scientifica, potremo accelerare lo sviluppo di un nuovo potenziale trattamento per questa malattia. Inoltre, grazie alla nostra esperienza commerciale confidiamo di poter offrire il prodotto ai pazienti e ai medici nel minor tempo possibile”.

“L’acquisizione di Breath Therapeutics, alla quale è un piacere dare il benvenuto in Zambon, è allineata ai nostri valori fondamentali e alla nostra visione di innovare le cure” ha affermato da parte sua  Elena Zambon, presidente del gruppo. “Siamo una startup di 113 anni, come dico spesso, con un forte patrimonio e tradizione, con l’obiettivo di arricchire la nostra pipeline con nuovi progetti di ricerca pertinenti per investire nel futuro per i nostri pazienti e le nostre persone “.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi