Milano, Boots inaugura la farmacia di Piazza Duomo e ora guarda a Roma

Milano, Boots inaugura la farmacia di Piazza Duomo e ora guarda a Roma

Roma, 20 settembre – A un anno dalla sua acquisizione e dopo un lungo e accurato lavoro di ristrutturazione, è stata inaugurata ieri a Milano, la storica Farmacia Carlo Erba situata nel salotto buono di piazza Duomo, entrata nella scuderia Boots di WBA, il principale distributore farmaceutico su scala mondiale. Per rispetto della sua storia, la farmacia mantiene la sua denominazione, l’unica a essere riportata, in caratteri d’oro old style su sfondo nero, nelle insegne esterne.  Il new deal dell’esercizio, però, è reso subito evidente dal caratteristico logo bianco su fondo blu di Boots che occhieggia, ben visibile anche all’esterno, subito dopo l’ingresso dell’esercizio.

Quella di Piazza Duomo è una delle sette farmacie che WBA ha già aperto a Milano, la più atipica (anche in ragione delle sue ridotte dimensioni) rispetto agli stilemi e agli standard della catena Boots, della quale tuttavia ripropone l’attenzione al beauty, declinata in accordo con la collocazione dell’esercizio, situato nel cuore della città e quindi metà obbligata dei circuiti turistici: l’offerta espositiva privilegia infatti i più noti brand internazionali per la cura del corpo, il make-up e lo skincare (tra i quali non mancano ovviamente i prodotti beauty a marchio di proprietà Boots, come No7 e Soap & Glory, molto amati nel Regno Unito), con una non casuale attenzione – vista la crescita esponenziale dei flussi turistici dall’estremo Oriente – a marchi particolari come il coreano Miin Cosmetics.

Secondo quanto riferisce il webmagazine settimanale Pharmacy Scanner, specializzato sui temi di mercato della filiera del farmaco, dopo l’inaugurazione della Farmacia Caro Erba WBA spostera con ogni probabilità le sue attenzioni dal mercato milanese (dove in ogni caso non sono da escludere ulteriori acquisizioni) a quello romano, dove è presente al momento con una sola farmacia battente bandiera Boots, inaugurata peraltro solo due settimane fa, il 5 settembre, a Spinaceto, nella periferia sud ovest della Capitale, rinnovando e ammodernando la preesistente farmacia Nicotra, storica farmacia del quartiere. Chiaro l’obiettivo di mantenere il focus sulla vicinanza alle comunità locali e sulla valorizzazione del ruolo di prossimità ell’esercizio faramceutico.

La farmacia di Spinaceto, di 230 mq, ripropone il modello Boots “italian style” già adottato a Milano: area espositiva spaziosa e facile da visitare,  esposizione organizzata e articolata per rispondere ai bisogni del cliente e non per brand, così da favorire la ricerca prodotto da parte dei pazienti.
A livello di assortimento, l’esercizio si caratterizza per una gamma completa di prodotti, fra cui numerose referenze e marchi per il benessere e la bellezza, compresi i brand “di casa” No7, Soap&Glory, Botanics.

Presenti anche i servizi, tra i quali spicca quello infermieristico: un’infermiera professionale è presente tutti i giorni per assitere i clienti nelle esigenze quotidiane, dagli esami alla rimozione punti di sutura, sino alle iniezioni. L’offerta include anche tutti i servizi già proposti sul resto della rete, a partire dalla consulenza specializzata offerta ai pazienti dai farmacisti e da personale qualificato. La gamma spazia dall’Ecg all’holter pressorio e cardiaco, dal profilo lipidico ed emoglobina glicata in auto-analisi del sangue alla misurazione dell’età polmonare.
Con l’obiettivo di approfondire la relazione con il territorio, sarebbe in corso di valutazione anche l’opportunità di sviluppare partnership con realtà locali, per definire delle attività mirate per i clienti-pazienti.

Un format, quello adottato a Spinaceto che – sempre secondo quanto riferisce Pharmacy Scanner –  potrebbe essere presto esteso “alle altre farmacie capitoline di proprietà del gruppo (una mezza decina, a quanto risulta)”. E anche nel caso della Capitale,  ovviamente, la propsettiva è quella di “allargare la rete con nuove acquisizioni”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi