Prix Galien, Roche si conferma nei farmaci biologici, Novartis sbanca con tre premi

Prix Galien, Roche si conferma nei farmaci biologici, Novartis sbanca con tre premi

roma, 9 ottobre – Tripla affermazione per Novartis all’edizione 2019 del Prix Galien Italia, il più prestigioso tra i riconoscimenti assegnati in campo farmacologico. Le tre terapie che hanno ottenuto quest’anno il Prix Galien sono rappresentative dei vari fronti sui quali è impegnata la ricerca Novartis.

Si tratta di Luxturna (voretigene neparvovec), terapia genica per il trattamento di malattie ereditarie della retina associate a mutazioni nel gene Rpe65, che ha ottenuto il riconoscimento nella categoria dei Medicinali per terapie avanzate. Nella stessa categoria si è guadagnata una menzione speciale Kymriah (tisagenlecleucel), prima terapia cellulare Car-T al mondo, indicata per leucemia linfoblastica acuta e per il linfoma diffuso a grandi cellule B.

L’altra molecola sugli scudi è Kisqali (ribociclib), inibitore delle chinasi per il trattamento del tumore alla mammella in stadio avanzato, in grado di ottenere un significativo miglioramento nella sopravvivenza e nella qualità della vita delle donne con questa patologia, ha infine ottenuto il premio nella categoria dei Farmaci di sintesi chimica.

“Per la prima volta un’azienda raggiunge un simile traguardo in un’unica edizione” ha commentato Luigi Boano, amministratore delegato di Novartis Oncologia. “Questi tre riconoscimenti sono il frutto del nostro sforzo in tema di innovazione per produrre farmaci sempre più innovativi in grado di rispondere alle esigenze dei pazienti, e nel contempo è un motivo di orgoglio e riconoscimento per tutti i nostri dipendenti che ogni giorno mettono il loro lavoro a disposizione dei nostri pazienti”.

Va segnalato anche l’ottimo risultato conseguito da Roche, che  si è aggiudicato per il secondo anno consecutivo il riconoscimento del Prix Galien per la categoria Farmaci Biologici, che è stato assegnato a emicizumab, molecola innovativa che segna un progresso importante nel trattamento dell’emofilia A.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi