Bonaccini: “Raggiunto l’accordo Governo-Regioni, 2 miliardi in più per il Fsn”

Bonaccini: “Raggiunto l’accordo Governo-Regioni, 2 miliardi in più per il Fsn”

Roma, 11 ottobre – “Siamo di fronte ad una giornata molto importante per la sanità italiana perché l’insieme delle misure contenute in questo accordo – unitamente a quelle decise oggi, sempre in Conferenza Stato-Regioni, sul payback farmaceutico – assicura una quantità di risorse come da tempo non accadeva, fondi che  saranno a disposizione per investimenti e servizi ai cittadini”.

Così il presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome Stefano Bonaccini (nella foto) commenta l’accordo raggiunto ieri tra Governo e Regioni in vista della prossima Legge di bilancio e per la programmazione regionale, che conferma (tra le altre misure) l’aumento programmato del Fondo sanitario per il 2020 (due miliardi) e 2021 e quello (altri due miliardi) del fondo dedicato all’edilizia sanitaria. Risorse essenziali, che dovrebbero favorire il rinnovo del Patto della Salute 2019-2021, che dovrà essere stipulato (a prevederlo è sempre l’accordo) entro il 31 dicembre prossimo.

L’intesa – che sempre Bonaccini definisce “centrale e importante” – coglie aspetti rilevanti di merito e, a giudizio del presidente del ” parlamentino” delle Regioni, “innova il metodo della concertazione istituzionale, risultato di cui do atto al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al ministro dell’Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri, al ministro della Salute, Roberto Speranza, al ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, e ai componenti dell’esecutivo interessati”.

Bonaccini ha anche voluto sottolineare l’opera di mediazione portata avanti insieme al sottosegretario del Mef, Antonio Misiani, per poi concludere richiamando i nove  “nove temi centrali per lo sviluppo dei territori e per il futuro delle istituzioni regionali” contenuti nell’accordo. Che sono i seguenti:

  1. Salvaguardia dei trasferimenti in favore delle Regioni a partire dalle Politiche sociali e dal TPL, come da tabella allegata.
  2. Tutela dell’incremento delle risorse già previsto dalla legge 30 dicembre 2018, n.145 del fabbisogno sanitario nazionale per gli anni 2020 (con un incremento di 2 miliardi) e 2021 e conseguente differimento del termine di cui all’articolo 1, comma 515, della legge n. 145 del 2018 dal 31 marzo 2019 al 31 dicembre 2019 per la stipula del Patto della salute.
  3. Incremento di 2 miliardi del livello delle risorse destinate agli interventi di edilizia sanitaria e di ammodernamento tecnologico di cui all’articolo 20 della legge n. 67 del 1988
  4. Anticipo al 2020 degli effetti delle sentenze della Corte costituzionale n. 247/2017 e n. 101/2018 in materia di pieno utilizzo dell’avanzo di amministrazione e del fondo pluriennale vincolato di entrata e di spesa questo consentirà di sbloccare una serie significativa di investimenti sul territorio (oltre 800 milioni).
  5. Attuazione dei meccanismi di finanziamento delle funzioni regionali, come disciplinati dal decreto legislativo 6 maggio 2011, n. 68, rinviati all’anno 2021.
  6. Entrata in vigore dall’anno 2021 della disciplina dei meccanismi di riparto del fondo per il finanziamento del trasporto pubblico locale.
  7. Adeguamento delle priorità di investimento secondo gli obiettivi indicati dalla nota di aggiornamento al DEF 2019, con particolare riguardo al green new deal.
  8. Istituzione di un Tavolo Stato, Regioni ed Enti locali, al fine di accelerare gli investimenti nazionali e comunitari, anche attraverso la definizione di procedure di semplificazione.
  9. Individuazione di possibili soluzioni per consentire la riduzione degli oneri del debito in modo da liberare risorse in favore della crescita sostenibile e degli investimenti.
“È un’intesa che innova il metodo della concertazione istituzionale” ha concluso Bonaccini  “e che individua i temi rilevanti su cui indirizzare le scelte a venire”.
Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Facebook
LinkedIn