Sì del Parlamento europeo alla Commissione von der Leyen, la sanità alla cipriota Kyriakides

Sì del Parlamento europeo alla Commissione von der Leyen, la sanità alla cipriota Kyriakides

Roma, 28 novembre – Via libera dal Parlamento europeo alla Commissione europea guidata da Ursula von der Leyen (nella foto). I sì sono stati 461, 157 i contrari, gli astenuti 89.

“Non vedo l’ora di iniziare a lavorare”  ha dichiarato la presidente von der Leyen in conferenza stampa al Parlamento europeo. “Considero un voto a favore di un’agenda di cambiamento il fatto di avere un’ampia maggioranza stabile”.

“Abbiamo costruito un’equipe europea eccezionale, oggi chiedo il vostro sostegno per un nuovo inizio per l’Europa” ha detto ancora  la presidente davanti al Parlamento in seduta plenaria. “Nei prossimi 5 anni la nostra unione porterà avanti una trasformazione di società e economia, è la cosa giusta da fare e non sarà semplice”.

“La commissione parte con un consenso del parlamento addirittura superiore a quello della Commissione precedente e questo è di buon auspicio”  ha commentato il commissario italiano all’Economia  Paolo Gentiloni dopo l’ok del parlamento europeo alla nuova Commissione. “Per quanto riguarda il mio lavoro, come commissario all’economia, la priorità assoluta sarà il rilancio della crescita. C’è molto da cambiare e da fare per rilanciare la crescita in Europa, per renderla più sostenibile sul piano ambientale e sul piano sociale. La flessibilità è necessaria, fa parte delle nostre regole, certamente non è sufficiente” ha detto ancora Gentiloni a chi gli chiedeva se la flessibilità ribadita da von der Leyen fosse sufficiente a rilanciare la crescita in un paese come l’Italia. “Credo che una straordinaria priorità dei prossimi anni debba essere quella degli investimenti e di regole che facilitino gli investimenti soprattutto in campo ambientale”.

Quello che ieri ha avuto l’imprimatur ufficiale e definitivo del parlamento europeo è il Governo europeo più “rosa” della storia, con 12 commissari donna contro i 15 uomini. Donna è anche la titolare della sanità, la cipriota Stella Kyriakides, del Partito popolare, che succede al lituano Vytenis Andriukaitis.

Di formazione medica (è psicologa), Kyriakides – che ha 63 anni – vanta un’esperienza ventennale come dirigente del presso il ministero della Salute del suo Paese, dove attualmente siede in parlamento nelle file del Partito del Raduno democratico, che aderisce appunto al Partito popolare europeo. Nel suo curriculum, un intenso impegno per la difesa e la promozione della salute dell’infanzia e delle donne, in particolar modo con azioni volte alla prevenzione di violenze di genere e del tumore al seno. Kyriakides, in accordo con le prerogative del suo ruolo, si  occuperà non solo della tutela della salute pubblica all’interno dell’Unione europea ma anche della protezione degli interessi dei cittadini consumatori.

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi