Artrite reumatoide, troppi pazienti distratti o inclini al “fai da te” con i farmaci

Artrite reumatoide, troppi pazienti distratti o inclini al “fai da te” con i farmaci

Roma, 29 novembre – Il numero dei pazienti con artrite reumatoide che raggiungono l’obiettivo della remissione è in aumento, ma ancora uno su tre incappa in ricadute, nonostante le terapie disponibili. C’è il farmaco contro il dolore, ma ci sono anche pazienti distratti o inclini al “fai da te”, che interrompono la cura.

Questo, riferisce un lancio di AdnKronos,  è quanto emerge a margine del 56° Congresso nazionale della Società italiana di reumatologia di Rimini. A sollevare la questione è Silvia Tònolo, presidente dell’ Anmar, l’Associazione nazionale malati reumatici.

“Troppo spesso il paziente che smette di avvertire dolore interrompe la cura, sbagliando. Serve maggiore consapevolezza da parte dei pazienti perché la stragrande maggioranza non conosce neppure il significato del concetto di remissione. Abbiamo effettuato un’indagine tramite i social, sottoponendo un questionario con poche, chiare e semplici domande” spiega Tonolo. “Ne è emersa una scarsa conoscenza, tutto questo è preoccupante. La remissione non è guarigione ma si tratta di tenere in folle l’auto del dolore, mettere la malattia in quiescenza, e occorre farlo in totale condivisione con il medico reumatologo”.

Roberto Caporali, professore di Reumatologia dell’Università degli Studi di Pavia, chiarisce: “La remissione consiste nel non avere sintomi, stare bene, senza dolore, avere esami normali durante la terapia farmaceutica, e aggiungerei soprattutto grazie ad essa”.

Il farmaco upadacitinib rafforza le possibilità di controllo della malattia. “I dati di remissione a 48 settimane, su un campione di oltre 4 mila pazienti, sono molto positivi” puntualizza Fausto Salaffi, associato di Reumatologia dell’Università Politecnica delle Marche di Ancona. “Si tratta di un farmaco innovativo, da somministrare per via orale, con un buon profilo di efficacia e sicurezza. E’ innovativo anche per l’elevata capacità selettiva e specifica della sua azione, che ci permette di raggiungere risultati molto importanti nel controllo della malattia e senza registrare problemi sotto il punto di vista della tollerabilità”.

Il

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Facebook
LinkedIn