WBA e McKesson, firmata una joint venture per la distribuzione farmaceutica in Germania

WBA e McKesson, firmata una joint venture per la distribuzione farmaceutica in Germania

Roma, 12 dicembre –  Walgreens Boots Alliance e McKesson Corporation, colossi della distribuzione farmaceutica entrambi quotati nella principale borsa USA (la prima al Nasdaq, la seconda al NYSE),  hanno firmato oggi un accordo per creare una joint venture che riunirà le rispettive aziende della distribuzione farmaceutica all’ingrosso in Germania, Alliance Healthcare Deutschland e GEHE Pharma Handel. WBA sarà azionista di controllo della joint venture con una quota pari al 70%, mentre McKesson avrà una quota del 30%.

A diffondere la notizia è un comunicato diffuso nella mattinata di oggi da WBA, dove si legge che la nuova joint venture potrà aumentare la capacità competitiva e favorire alti livelli di soddisfazione per i clienti, attraverso nuovi servizi, eccellenza operativa e il potenziamento di soluzioni incentrate sul paziente. “La nuova realtà” si legge ancora nella nota “porterà a soluzioni efficienti per la distribuzione e a maggiori economie di scala, stimolando la competitività nel mercato tedesco della distribuzione farmaceutica. L’operazione non riguarda nessun altro business di WBA o McKesson, avendo come oggetto solamente le attività di distribuzione all’ingrosso in Germania”.

Combinare le nostre attività nella distribuzione farmaceutica è la decisione giusta per assicurare successo nel lungo termine ad entrambi i business” è il commento di Ornella Barra, co-chief operating officer di WBA (nella foto). “È un passo avanti strategico che porterà benefici per tutti. Stiamo creando una società sostenibile a vantaggio dei nostri clienti e del sistema sanitario tedesco”.

“Siamo felici di unire le forze con Walgreens Boots Alliance. Attraverso questo accordo strategico, diamo sicurezza al futuro della distribuzione farmaceutica nel mercato tedesco” le  fa eco Kevin Kettler, chairman del management board di McKesson Europe. “Questa operazione crea le condizioni per il successo a livello operativo in un contesto complesso”.

Entrambe le società avranno una rappresentanza proporzionale nel supervisory board della joint venture. L’operazione è soggetta all’autorizzazione e approvazione da parte delle autorità preposte. Si prevede che tale procedimento impiegherà almeno sei mesi. Il comunicato stampa informa che i termini finanziari della transazione non sono stati resi noti.

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Facebook
LinkedIn