D’Ercole (DG Federfarma): “Legge di bilancio, dai nostri uffici informazioni puntuali”

D’Ercole (DG Federfarma): “Legge di bilancio, dai nostri uffici informazioni puntuali”

Roma, 20 gennaio – Gli uffici di Federfarma – al netto di ogni altra considerazione e valutazione riguardanti le politiche sindacali, che esula dalla loro competenza – svolgono la loro attività quotidiana a tutela dei titolari di farmacia  con “puntualità, professionalità e dedizione al lavoro, (…), così come unanimemente riconosciuto dall’intera categoria”.

Così Alberto D’Ercole, direttore generale del sindacato dei titolari (nella foto), ha replicato in una nota di precisazione inviata alle testate di categorie alle critiche espresse nei giorni scorsi da Farmacia Indipendente, la sigla che fa riferimento ai presidenti di Federfarma Cosenza e Federfarma L’Aquila, Alfonso Misasi e Alfredo Orlandi, dove i due dirigenti evidenziavano presunte manchevolezze e ritardi del sindacato nelle informazioni  relative alle nuove regole per consentire ai cittadini di fruire delle detrazioni di imposta.

“A tutela del corretto agire degli uffici”, D’Ercole ripercorre  le comunicazioni che – a partire dal 24 dicembre – gli uffici del sindacato nazionale hanno diramato sulla materia, commentando le norme della Legge di bilancio di interesse per il settore farmaceutico e sanitario, con ampi  cenni al tema della detraibilità fiscale delle spese per l’acquisto di medicinali e dispositivi medici. Il DG di Federfarma ricorda quindi la nota del 10 gennaio scorso, volta ad acquisire il parere dei Ministeri competenti (Salute ed Economia e Finanze) “circa la possibilità di intendere il termine ‘medicinale’ come comprensivo dei farmaci veterinari, così da poter favorire in primo luogo i cittadini in termini di facilità di pagamento (in contanti e con sistemi tracciabili) e di conseguente detraibilità fiscale”. Un’interpretazione, evidenzia D’Ercole, che “tra l’altro sembra palesemente coincidere con l’interesse della farmacia ad adottare modalità di riscossione non differenziate per l’acquisto di medicinali ad uso umano e veterinari”.

Ancora, il direttore degli uffici ricorda le due circolari diramate il 13 gennaio, in attesa di acquisire il parere dei Ministeri, la prima per richiamare le informazioni già fornite, accompagnandole con “una bozza di avviso da affiggere in farmacia, a tutela congiunta degli utenti e dei farmacisti, che riepiloga le modalità di pagamento consentite per continuare a fruire delle detrazioni fiscali” e  la seconda per commentare ulteriormente  “le disposizioni di carattere fiscale connesse all’entrata in vigore della Legge di Bilancio 2020”.

Nessun rilievo, dunque – lascia intendere D’Ercole – può essere mosso alla diligenza e alla puntualità degli uffici del sindacato nello svolgimento del loro lavoro, con buona pace dei rilievi di Orlandi e Misasi, in particolare quello di aver “aspettato” il 13 gennaio per  inviare una circolare esplicativa rispetto a norme entrate in vigore il primo giorno dell’anno, ovvero quasi due settimane prima.

Sul resto (ovvero le critiche “politiche” dei due dirigenti di Farmacia Indipendente, in particolare quella relativa ai farmaci veterinari), D’Ercole evita comprensibilmente di intervenire, evidenziando appunto che rispetto ad esse “non sussiste competenza alcuna da parte degi uffici”.

Sul punto, si erano concentrati i rilievi di Misasi e Orlandi, con aperte censure all’operato di Federfarma, colpevole a loro giudizio di aver fatto un clamoroso autogol: “Invece di esprimere un plauso per una norma che rende efficiente la componente finanziaria della detraibilità e che forse contribuirebbe a un ritorno in farmacia per la dispensazione dei suddetti prodotti da sempre tracciati nel pieno rispetto delle norme vigenti” avevano infatti scritto i due dirigenti “si palesa una propria interpretazione tale da ritenere legittima la deroga nell’acquisto tracciato, anche quando i prodotti suddetti ‘vengano consegnati dal veterinario nell’ambito della propria attività e qualora l’intervento professionale lo richieda’”.

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Facebook
LinkedIn