Studio Deloitte, dagli italiani sufficienza piena al Ssn, ma liste d’attesa bocciate

Studio Deloitte, dagli italiani sufficienza piena al Ssn, ma liste d’attesa bocciate

Roma, 23 gennaio – Gli italiani promuovono con una sufficienza piena il Servizio  sanitario nazionale ma bocciano il sistema per le liste d’attesa, la cui percezione è peggiorata nell’ultimo anno.

È quanto emerge dall’Outlook Salute Italia 2021, studio realizzato intervistando un campione di oltre 3500 cittadini da Deloitte (autorevole network di servizi professionali alle imprese che opera in Italia dal 1923) e presentato ieri a Roma. Il voto medio (su una scala da 1 a 10) assegnato al Sistema sanitario nazionale è di 6,3, inferiore di un punto a quello dato alla sanità privata (7,3). Vengono premiati, riassume un lancio dell’Ansa,  i servizi di prossimità come il 118 (voto medio 6,8), i servizi offerti da medico di famiglia e pediatra (6,8) e i servizi aggiuntivi disponibili in farmacia (6,6), ulteriore dimostrazione dell’apprezzamento e delle potenzialità di questa rete di presidi sanitari territoriali.

Le criticità riguardano invece i tempi d’attesa (il voto medio è inferiore a 5 per tempi di attesa relativi a ricoveri ospedalieri, diagnostica e visite ambulatoriali) e registrano un peggioramento nel corso dell’ultimo anno.

Solo un intervistato su cinque ha sottoscritto polizze sanitarie: il 76% di loro si ritiene soddisfatto e la consiglierebbe. Il 49% di chi non le ha non vuole acquistarla, principalmente a causa di costi troppo elevati (44%) e perché non ne avvertono l’esigenza (30%).

Nell’ultimo triennio circa un terzo degli italiani si è spostato dalla propria Regione per cure sanitarie. La mobilità sanitaria è stata effettuata principalmente verso altre Regioni italiane (il 72% tra coloro che hanno viaggiato per motivi di salute) per visite specialistiche o ricoveri ospedalieri. Poco più della metà della popolazione conosce il fascicolo sanitario elettronico (59%) e poco più di un terzo del campione ha ricevuto un referto medico via e-mail (37%) o ha prenotato online una prestazione sanitaria (35%). Solo l’8% ha fruito di servizi di telemedicina, quota inferiore rispetto a quanto registrato a livello mondiale da Deloitte stessa (dal 13% al 29%).

“I risultati della ricerca confermano il posizionamento del Sistema sanitario nazionale, riconosciuto come uno dei migliori a livello globale, in quanto il giudizio complessivo restituito dagli italiani è positivo”  spiega Guido Borsani, socio di Deloitte Italia e coordinatore dello studio.  “Emerge tuttavia un’area di grande sofferenza dettata dalla quota di pazienti che hanno rinunciato a cure mediche per motivi economici. Purtroppo, con riferimento all’ultimo anno, la percentuale supera un quarto dei rispondenti. Questo fenomeno costituisce un elemento di preoccupazione circa la tenuta dell’universalità del nostro sistema”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi