Aifa, nuove importanti avvertenze sull’impiego di tofacitinib

Aifa, nuove importanti avvertenze sull’impiego di tofacitinib

Roma, 13 febbraio – L’Aifa ha reso disponibili nuove e importanti informazioni sulla specialità medicinale Xeljanz (tofacitinib), disponibile nel nostro Paese dal settembre 2018,  e l’aumentato rischio di tromboembolismo venoso e di infezioni gravi e fatali.

Xeljanz, avverte l’Agenzia, deve essere usato con cautela nei pazienti ad alto rischio di sviluppare coaguli di sangue. Il trattamento di mantenimento con dosi di 10 mg due volte al giorno non è raccomandato nei pazienti con colite ulcerosa ad alto rischio di sviluppare coaguli di sangue a meno che manchi la disponibilità di un trattamento alternativo adeguato.

Per il trattamento dell’artrite reumatoide e dell’artrite psoriasica, non deve essere superata la dose raccomandata di 5 mg due volte al giorno. Inoltre, i pazienti di età superiore ai 65 anni devono essere trattati con Xeljanz solo quando non sia disponibile un trattamento alternativo.

 

Nota informativa importante su Xeljanz (tofacitinib)

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Facebook
LinkedIn