Federfarma: “Reprimere sul nascere ogni speculazione su mascherine e detergenti”

Federfarma: “Reprimere sul nascere ogni speculazione su mascherine e detergenti”

Roma, 26 febbraio –  “Profonda gratitudine”. Questo il sentimento che la sigla delle farmacie private, Federfarma, ha voluto esprimere pubblicamente, in un comunicato stampa diramato ieri, alle farmacie associate, “per la prova di alta responsabilità” che, in occasione dell’emergenza sanitaria scatenata dal coronavirus,  stanno dando al Paese, a fianco di tutti gli altri operatori impegnati nel contrasto alla diffusione del Sars CoV 2.

“È un riconoscimento che va a tutte le farmacie che stanno fornendo le corrette e dovute informazioni ai cittadini” scrive Federfarma “e, in particolare, a quelle presenti nelle aree in cui si sono sviluppati i focolai di infezione dove, pur nelle difficoltà, i farmacisti non arretrano assolutamente nell’esercizio del proprio compito, dando esempio di compostezza e di senso del dovere”.

La nota stampa del sindacato, però, tocca anche un tasto delicato, quello delle speculazioni che qualcuno potrebbe essere tentato di porre in essere approfittando della difficile situazione e, in particolare, della carenza sul mercato di dispositivi come le mascherine protettive e i prodotti per la detersione e disinfezione delle mani.

“Nel rispetto dell’impegno dell’intera comunità delle farmacie, Federfarma comunica che ha dato disposizioni alle proprie organizzazioni territoriali di intervenire legalmente per reprimere ogni forma che, seppur per casi isolati, si presentasse come speculativa sulla vendita di prodotti e presidi che in questo periodo sono oggetto di richieste straordinarie, come le mascherine protettive e i prodotti disinfettanti” scrive al riguardo  il sindacato nazionale. “In tale attività, Federfarma garantirà ogni supporto alle organizzazioni territoriali e, qualora si avviassero procedimenti penali a carico di farmacie che abbiano commesso attività speculative, si costituirà parte civile a difesa della categoria”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi