Conasfa scrive a sigle datoriali: “Monitorare la sicurezza dei dipendenti delle farmacie”

Conasfa scrive a sigle datoriali: “Monitorare la sicurezza dei dipendenti delle farmacie”

Roma, 31 marzo – Conasfa, l’Associazione nazionale professionale dei farmacisti non titolari presieduta da Silvera Ballerini (nella foto), continua a fare pressioni sulle sigle delle farmacie aperte al pubblico (Federfarma, Assofarm e Farmacieunite) affinché sensibilizzino le farmacie associate a monitorare i profili di sicurezza del loro servizio. Nel caso di Federfarma, informa Conasfa in una nota,  la segnalazione è stata inviata anche a ogni singola Associazione provinciale dei titolari,  “per far capire come la sicurezza di tutti i lavoratori sia avvertita dai dipendenti come una forte criticità e la dimostrazione sono i contagiati e, purtroppo, i decessi riscontrati nella nostra categoria”.
La nota di Conasfa riporta la frase finale della lettera indirizzata alle associazioni datoriali, che riproduciamo: “Chiediamo, di monitorare la situazione nelle aree di vostra competenza, in modo
che la tutela della salute dei lavoratori sia perseguita in modo assoluto. La pandemia Covid-19 in atto sta mettendo a dura prova tutto il sistema Paese, ma proprio la nostra professione visti i tempi non brevi, deve tutelarsi per tutelare gli altri. Già diversi casi di contagio sono stati riscontrati tra i farmacisti! Farmacie senza farmacisti, sono entità senza nessun valore e utilità al Paese. Nella speranza di una lenta ma costante risoluzione dell’emergenza è da evitare, che gli stessi nostri posti di lavoro, possano essere veicolo di contagio o di nuovi focolai ora e nel prossimo futuro. Dal canto nostro, stiamo eseguendo una rilevazione all’interno della categoria per capire lo status quo della sicurezza.”

Al momento attuale, fa sapere Conasfa concludendo il suo comunicato, “abbiamo ricevuto una risposta solo da Assofarm“.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi