Spesa farmaci, report Aifa gennaio-novembre 2019: tetto sfondato di 1,8 miliardi

Spesa farmaci, report Aifa gennaio-novembre 2019: tetto sfondato di 1,8 miliardi

Roma, 1 aprile – La spesa farmaceutica complessiva (convenzionata + acquisti diretti) del periodo gennaio-novembre 2019 si è attestata a +17.313,1 milioni di euro, evidenziando uno scostamento assoluto rispetto alle risorse complessive (il 14,85% del Fsn, pari 15.495,4 milioni) di importo davvero considerevole: si tratta infatti di uno sfondamento di 1.817,7 milioni di euro, che fa salire l’incidenza percentuale della spesa per farmaci sul Fsn al 16,6%, quasi due punti percentuali in più.

Questo il dato di sintesi dell’ultimo Monitoraggio della spesa farmaceutica nazionale e regionale gennaio-novembre 2019 reso noto dall’Aifa (qui il documento). Lo scostamento della spesa farmaceutica rispetto alle risorse complessive del 14,85% (7,96% per la spesa convenzionata, 0,20% per gas medicinali e 6,69% per la spesa per acquisti diretti) segue le tendenze già ben delineate dai report precedenti: la spesa farmaceutica convenzionata netta a carico del Ssn  calcolata al netto degli sconti, della compartecipazione totale (ticket regionali e compartecipazione al prezzo di riferimento) e del pay-back 1,83% versato alle Regioni dalle aziende farmaceutiche, si è attestata nel periodo gennaio-novembre 2019 a 7.137,6 milioni di euro, con un calo di 26,2 milioni rispetto al periodo corrispondente dell’anno precedente. Rispetto al rispetto del tetto programmato (7.96%, corrispondente a 8.306 milioni di euro), la spesa convenzionata si è “fermata” a 7.484 milioni di euro (cifre che incide sul FSN “solo” per il 7,17%),  generando così un avanzo di 821,6 milioni di euro.

All’opposto, la spesa farmaceutica per acquisti diretti nei primi 11 mesi del 2019,  al netto dei gas medicinali (9.612,7 mln di euro),  ha registrato uno scostamento assoluto, in eccesso, di 2.631,9 milioni di euro rispetto al tetto del 6,69%, della spesa per acquisti diretti al netto dei gas medicinali (corrispondente a 6.980,8 mln di euro).

Il numero di ricette (524,9 milioni), che è l’indicatore dei consumi, mostra una riduzione (meno 1,0%) rispetto al 2018. Cala anche l’incidenza del ticket (-1,5%), mentre si registra un incremento dello 0,6% (+118,5 milioni) delle dosi giornaliere dispensate, Sempre a proposito dei ticket, trova conferma il calo di quelli fissi (423 milioni, – 4,7%) e registrano anche una leggera diminuzione le quote pagate dai cittadini come differenza per l’acquisto di farmaci branded al posto dei generici.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi