Cispel Toscana e Assofarm, dal 3 aprile gel igienizzante a basso costo

Cispel Toscana e Assofarm, dal 3 aprile gel igienizzante a basso costo

Roma, 3 aprile – “Nel momento della difficoltà  anche piccole iniziative, se fatte nell’interesse generale e all’insegna della collaborazione fra enti, possono innescare grandi cambiamenti: grazie ad un semplice atto amministrativo, da oggi cittadini, ospedali, associazioni di volontariato e pubbliche amministrazioni potranno disporre di gel disinfettanti di alta qualità e a costi bassissimi”,

Così Alessio Poli, coordinatore della Commissione Farmacie di Confservizi Cispel Toscana e amministratore unico di Far.Com Pistoia (l’azienda delle farmacie comunali pistoiesi),  esprime la soddisfazione del mondo delle farmacie comunali dopo l’autorizzazione, da parte dell’Ufficio delle Dogane di Prato e Pistoia, all’acquisto di alcool puro (non denaturato) in esenzione di accisa per la produzione di gel disinfettante. Le prime autorizzazioni sono state concesse in Toscana (sui siti di Assofarm e di Cispel Toscana sono scaricabili i moduli per la domanda e la procedura operativa trasmessa dall’Agenzia delle dogane).

L’iniziativa risolve un problema nato nei primi giorni dell’emergenza. Il 19 marzo scorso l’agenzia delle Dogane aveva concesso ampie aperture alla produzione di disinfettanti, che utilizzassero però alcool denaturato. Prodotto, questo, però incompatibile da un punto di vista normativo con le preparazioni officinali delle farmacie. A ciò si aggiunga il fatto che l’alcool denaturato è andato esaurito quasi subito, mentre risulta ancora disponibile quello puro.

“Da allora abbiamo aperto subito un proficuo confronto con l’Ufficio Dogane” spiega Poli “che oggi ha portato a questa ulteriore apertura, per noi sostanziale”. L’effetto positivo dell’operazione risulterà subito evidente dal semplice confronto tra due numeri: il costo dell’alcol senza accise è inferiore a 5 euro al litro, mentre con le accise è superiore a 15 euro.

“Avendo avuto alcune nostre farmacie il nulla osta all’utilizzo della materia prima, metteremo a disposizione del Paese una rete distributiva di oltre 19.000 Farmacie presenti in modo capillare su tutto il territorio”  conclude il presidente di Assofarm Venanzio Gizzi (nella foto) “e in questi due passaggi sta il tratto distintivo della nostra Federazione: sviluppare innovazione sociale pur senza grandi mezzi, e diffonderla nel paese, in particolare in quelle aree periferiche dove si vivono condizioni di maggiore fragilità”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi