Veneto, obbligo di mascherina e guanti per chi entra in esercizi commerciali

Veneto, obbligo di mascherina e guanti per chi entra in esercizi commerciali

Roma, 6 aprile – Tutti gli esercizi commerciali, anche all’aperto, hanno i seguenti obblighi:  ammettere e far circolare solo soggetti con mascherine e guanti, verificando la copertura di naso e bocca;  perimetrare l’area (in caso di mercati all’aperto);  mantenere un unico accesso e dotarsi di ogni strumento atto ad  evitare gli assembramenti. È una delle nuove misure – valide anche per le farmacie – disposte dalla Regione Veneto (una delle più colpite dal coronavirus) con l’ordinanza del presidente della Giunta regionale pubblicata sul Bur n. 45 del 3 aprile scorso per arginare l’epidemia di Covid-19.

Il provvedimento, oltre a prorogare fino al 13 aprile 2020 le “vecchie” misure di contenimento, detta ulteriori disposizioni per il contrasto dell’assembramento di persone, tra le quali la sorveglianza pubblica o privata che verifichi distanze sociali e il rispetto del divieto di assembramento, nonché il controllo dell’accesso all’area di vendita. Per venditori e compratori, è obbligatorio l’uso di guanti monouso e mascherine e comunque va garantita la copertura di naso e bocca.

L’ordinanza inoltre richiama tutti i cittadini alla necessità, in ogni attività esterna consentita, di evitare il contatto a distanza inferiore a un metro e di fare uso di ogni altra precauzione idonea a evitare il contagio,  ribadisce che la violazione delle disposizioni e dell’ordinanza comportano l’applicazione delle severe sanzioni di cui all’art. 4 del decreto legge n. 19 del 2020, affermando che a ciò provvedono gli organi di polizia e incarica infine la direzione della Protezione civile dell’esecuzione del provvedimento.

Farmacieunite ha già comunicato ai suoi associati di essersi  già attivata per verificare le modalità applicative dell’ordinanza rispetto alle farmacie e per ulteriori approfondimenti in merito, sui quali invierà ulteriori informazioni a stretto giro. Intanto, il sindacato presieduto da Franco Gariboldi Muschietti (nella foto) ha inviato alle farmacie associate un cartello informativo da esporre all’esterno dell’esercizio per comunicare ai cittadini l’obbligo di indossare mascherina e guanti disposto dalla Regione, chiedendo la loro massima collaborazione.

Il veneto non è l’unica Regione a implementare  in autonomia le misure restrittive per affrontare l’emergenza coronavirus, imponendo ai cittadini l’obbligo di coprirsi il volto. La prima a muoversi in questa direzione è stata la Lombardia, seguita dalla  Toscana. Anche in Piemonte e in Campania si sta valutando l’adozione di misure simili, con l’obbligo della mascherina, però, solo in determinati luoghi.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi