Rossi (Toscana): “Una scemenza dire che il virus è più debole, serve molta prudenza”

Rossi (Toscana): “Una scemenza dire che il virus è più debole, serve molta prudenza”

Roma, 21 maggio – “Non abbassiamo la guardia. È una  scemenza dire che il coronavirus si è indebolito. Il virus gira meno  semplicemente perché finora siamo stati rinchiusi in casa. Adesso che
siamo tornati a muoverci e sono aumentati i nostri contatti, è  possibile che ci sia una ripresa della diffusione del virus,  soprattutto se non manteniamo comportamenti appropriati”.

È quanto scrive sul suo profilo Facebook il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi (nella foto),  militante attivo e della prima ora nelle schiere, in vero molto fitte, degli amministratori regionali che hanno scelto la linea della prudenza per la fase 2 di contrasto all’emergenza Covid.

“È  fondamentale individuare i casi positivi quanto più possibile, come  stiamo facendo in Toscana anche con il test sierologico, tracciarli  ricostruendo le relazioni strette che hanno avuto, trattarli e  metterli in quarantena. La regola delle tre T: testare, tracciare, trattare” scrive ancora il presidente toscano.

Ma un altro terreno sul quale sarà fondamentale lavorare, per Rossi, è quello della comunicazione: “Serve anche una grande campagna rivolta ai cittadini perché  mantengano i comportamenti appropriati assunti negli ultimi tempi,  come la mascherina e la distanza, che noi consigliamo sia di 1,8  metri”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi