Profilassi antiflu, farmacie siti vaccinali permanenti, approvato alla Camera un odg di Mandelli

Profilassi antiflu, farmacie siti vaccinali permanenti, approvato alla Camera un odg di Mandelli

Roma, 28 maggio – Per quanto gli effetti pratici siano notoriamente pochi, va comunque registrata positivamente l’approvazione ieri alla Camera di un ordine del giorno firmato dal deputato di Forza Italia Andrea Mandelli (nella foto) nel corso della discussione sulla conversione in legge del decreto legge Liquidità (passato ieri con voto di fiducia), che impegna il Governo a prevedere la possibilità di somministrazione, da parte del medico, del vaccino antinfluenzale anche nelle farmacie provviste di spazi idonei e in grado di garantire la privacy. Il presidente Fofi aveva presentato l’importante misura come emendamento al testo del provvedimento, purtroppo non accolto. Da qui, la decisione di trasformarlo in ordine del giorno, in modo da precostituirgli una “corsia preferenziale” nel prossimo futuro.

Atteso che, agli esordi dell’epidemia in Italia “si assisteva al picco dell’influenza stagionale” e “una più corposa campagna vaccinale contro l’influenza avrebbe comportato un alleggerimento della pressione sui Pronto Soccorso e anche una maggiore facilità di individuare e discernere i pazienti contagiati dal coronavirus da quelli che avevano contratto un virus influenzale“, Mandelli ha evidenziato come il nostro Paese non può farsi trovare impreparato di fronte al rischio di una seconda ondata di Covid-19 in autunno: “Sarà fondamentale distinguere rapidamente i sintomi influenzali, che mediamente colpiscono il 9% della popolazione, da quelli del coronavirus” ha aggiunto il presidente Fofi nel suo intervento. “Per questo sarà indispensabile una corposa campagna vaccinale antinfluenzale”.

Un ruolo importante al riguardo possono recitarlo appunto le farmacie, grazie alla loro presenza capillare sul territorio, in particolare nelle aree rurali e periferiche, se soltanto venissero autorizzate a diventare presidi vaccinali con la presenza dei medici: “Le farmacie, in ragione della loro funzione di presidi sanitari polifunzionali del territorio, nell’ambito del progetto di ‘farmacia dei servizi’, possono essere siti vaccinali permanenti, previa disponibilità di spazi idonei sotto il profilo igienico sanitario e con la presenza di medici, secondo modalità e specifici accordi da stabilire con apposita disciplina” scrive Mandelli nell’odg approvato ieri.  Concetto poi ribadito nel suo intervento in Aula: “Pungoleremo il governo affinché l’impegno assunto in tal senso con l’approvazione del mio ordine del giorno sia rispettato”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi