Fiducia del Senato al decreto Liquidità, legge la dpc dei farmaci ospedalieri in farmacia

Fiducia del Senato al decreto Liquidità, legge la dpc dei farmaci ospedalieri in farmacia

Roma, 5 giugno – Il Senato, con 156 pareri favorevoli e 119 contrari, ha accordato ieri la fiducia al Governo sul decreto Liquidità, approvando definitivamente il  testo già licenziato la scorsa settimana dalla Camera.
Tra i contenuti del provvedimento, che ora è legge dello Stato, quello in assoluto più rilevante per la filiera del farmaco, introdotto nel corso dell’esame a Montecitorio da un emendamento a prima firma di Marcello Gemmato, segretario della Commissione Affari sociali di Montecitorio e responsabile nazionale del Dipartimento Salute di Fratelli d’Italia (nella foto), è la distribuzione per conto dei farmaci ospedalieri nelle farmacie convenzionate con il Servizio sanitario nazionale di tutti i medicinali fin qui distribuiti direttamente da Asl e ospedali, e ciò allo scopo di ridurre la mobilità  dei pazienti o dei loro parenti  (con la connessa maggiore esposizione al rischio di contagio) negli ospedali e nelle strutture delle Asl. La distribuzione per conto dei farmaci della diretta avverrà in ogni caso “alle condizioni stabilite dagli accordi regionali” e “fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica”, termine attualmente fissato al 31 luglio.

Sono diventate legge anche le misure a sostegno della cessione gratuita di farmaci per uso compassionevole: i medicinali non ancora autorizzati, sottoposti a sperimentazione clinica o in commercio per indicazioni diverse da quelle sperimentali, se ceduti a fini solidaristici (non solo quindi per curare Covid-19) non concorrono a determinare la base imponibile delle imposte sui redditi.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi