Studio USA, comuni steroidi migliorano sopravvivenza in pazienti gravi di Covid-19

Studio USA, comuni steroidi migliorano sopravvivenza in pazienti gravi di Covid-19

Roma, 3 settembre – Un team internazionale guidato da medici-scienziati dell’University of Pittsburgh Medical Center (Upmc) e della Scuola di Medicina dell’Università di Pittsburgh ha messo in comune i dati di 121 ospedali in otto Paesi per scoprire che gli steroidi poco costosi e ampiamente disponibili migliorano le probabilità che i pazienti colpiti da Covid-19 sopravvivano alla malattia.

I risultati sono stati ottenuti attraverso lo studio “Randomized embedded multifactorial adaptive platform-community acquired pneumonia” (in sigla Remap-Cap) che include lo studio Upmc-Remap-Covid-19, l’unico basato negli Stati Uniti per testare i corticosteroidi – una classe di farmaci che abbassa l’infiammazione e modula l’attività del sistema immunitario – per il trattamento di pazienti con Covid-19 gravemente malati.

Tra marzo e giugno, lo studio Remap-Cap ha randomizzato 403 pazienti adulti Covid-19 ammessi in terapia intensiva per ricevere l’idrocortisone steroideo o non steroidi trovando una probabilità del 93% che la somministrazione ai pazienti di un ciclo di sette giorni di idrocortisone per via endovenosa si traduca in risultati migliori rispetto alla non somministrazione. I risultati sono stati coerenti per età, razza e sesso.

“È relativamente raro in medicina che si trovino farmaci in cui l’evidenza della loro efficacia nel salvare vite umane sia così consistente”  afferma l’autore principale dello studio, Derek Angus, Chief Health Care Innovation Officer presso UPMC e professore e presidente del Dipartimento di Medicina critica di Pitt. “Questa è, sotto molti aspetti, la risposta più chiara che abbiamo avuto finora su come gestire i pazienti Covid-19  terribilmente malati. Le persone sotto ventilatori o ossigeno e in terapia intensiva” ha concluso “devono assolutamente ricevere corticosteroidi”.

L’Organizzazione mondiale della sanità sta aggiornando di conseguenza la sua guida al trattamento Covid-19.

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi