Ricerca Assosalute, gli italiani hanno paura di non saper distinguere Covid dall’influenza

Ricerca Assosalute, gli italiani hanno paura di non saper distinguere Covid dall’influenza

Roma, 18 settembre – Il timore di non riuscire a distinguere l’influenza stagionale dai sintomi della Covid-19 serpeggia tra gli italiani, e non soltanto quelli afflitti da una qualche forma di ipocondria. A rilevarlo è un’indagine sull’influenza commissionata da Assosalute, l’Associazione nazionale dei produttori di farmaci di automedicazione aderente a  Federchimica, dalla quale emerge che il 33%  del campione intervistato ha paura di non essere in grado di saper distinguere prontamente le due infezioni, il 14,7% teme di non poter ricevere cure adeguate  e il 14%, soprattutto tra i più giovani, è terrorizzato dalla prospettiva di un nuovo lockdown.

“Distinguere la normale influenza da Covid-19 non è così semplice”  spiega Fabrizio Pregliasco, virologo dell’università degli Studi di Milano e direttore sanitario dell’Irccs Istituto ortopedico Galeazzi del capoluogo lombardo (nella foto), intervenendo all’incontro on line promosso ieri da Assosalute sul tema. “Nonostante i due virus siano diversi, i sintomi che caratterizzano l’influenza stagionale e Covid-19 sono molto simili. L’unico modo certo per fare una diagnosi differenziale è quindi quello di eseguire il tampone. È bene ricordare che l’influenza con cui abbiamo a che fare tutti gli anni presenta sempre le medesime caratteristiche“.

Che Pregliasco ricorda in dettaglio: insorgenza brusca di febbre oltre i 38 gradi, presenza di almeno un sintomo sistemico (dolori muscolari/articolari) e di un sintomo respiratorio (tosse, naso che cola, congestione/secrezione nasale, mal di gola). La momentanea perdita (anosmia) o diminuzione dell’olfatto (iposmia), la perdita (ageusia) o alterazione del gusto (disgeusia), sono invece tipici e non legati all’influenza stagionale.

“Attenzione anche ai bambini” raccomanda il virologo. “Se assistiamo al verificarsi di un unico sintomo respiratorio, è verosimile che siamo di fronte a malanni di stagione; se invece se ne verifica più di uno contemporaneamente, è bene fare ulteriori accertamenti”.

Pregliasco, sulla base di quanto accade nell’altro emisfero, ha anche tentato una stima dell’andamento della prossima stagione influenzale del nostro Paese, che potrebbe essere caratterizzata da un’intensità medio-alta e colpire tra i 6 e gli 8 milioni gli italiani, in linea con le stagioni precedenti. Sempre nell’altro emisfero, però, si osserva come le azioni per il contenimento della pandemia da Covid-19 (Dpi, riduzione assembramenti, lavaggio mani eccetera) abbiano effetti anche sulla diffusione della classica influenza stagionale , limitandola: un fenomeno che potrebbe replicarsi anche da noi.

Claudio Cricelli, presidente della Società italiana di medicina generale e delle cure primarie (Simg), anch’egli intervenuto alla discussione,  richiama l’importanza del ruolo del medico di medicina generale: “Sarà lui, qualora ravvisi un sospetto Covid-19, a far intervenire l’unità diagnostica per gli accertamenti”.

L’atteggiamento degli italiani in caso di sintomi influenzali è in ogni caso inevitabilmente cambiato rispetto allo scorso anno. Come rivelato dalla ricerca Assosalute, infatti, “se nel 2019 il 55% degli intervistati dichiarava che il primo comportamento, in caso di febbre, sarebbe stato rimanere a casa, riposare e assumere farmaci da banco, oggi lo conferma soltanto il 37,1%. Aumentano coloro che si rivolgeranno subito al parere del medico di base: il 34,5% rispetto al 12,3% del 2019”.

“I medici di medicina generale si stanno preparando all’arrivo della prossima stagione influenzale, informando le persone in tutti i modi possibili” rassicura al riguardo Cricelli. “Abbiamo recentemente distribuito una guida per il rientro sicuro a scuola, in aggiunta a informative e documenti che abbiamo prodotto in questi mesi proprio per arrivare preparati. Da aprile tutti i medici di medicina generale sono dotati di sistemi informativi all’avanguardia che permettono di avere velocemente il quadro clinico del paziente e di poter quindi fare una diagnosi precisa e contestualizzata dei sintomi che presenta, anche a distanza; questo permette una gestione sofisticata di tutte le patologie, compresa l’influenza stagionale e Covid-19”.

Sempre dall’indagine Assosalute emerge che sono “stabili rispetto all’anno scorso le figure di riferimento in caso di febbre: il 53% degli italiani continuerà a rivolgersi al medico di base, seguito dal 28,4% che invece si affiderà alla propria esperienza, curandosi con gli usuali farmaci di automedicazione, soluzione più diffusa a cui farà ricorso, se necessario, il 60,6% degli italiani; cala invece il numero di coloro che si rivolgeranno al farmacista: sono il 14,6% degli intervistati, rispetto al 23,2% del 2019”.

Ma, in concreto, in caso di febbre cosa bisogna fare, come comportarsi?  “Al principio sempre valido di automedicazione responsabile si aggiunge quest’anno il comportamento responsabile” è la risposta di Pregliasco. “Rimanere in casa se si manifestano i sintomi e isolarsi dagli altri, non andare al Pronto soccorso né presso gli studi medici, ma chiamare al telefono il medico di famiglia, la guardia medica o i numeri verdi regionali o di pubblica utilità 1500. Rimangono validi i classici consigli come evitare gli sbalzi di temperatura, prediligere un’alimentazione corretta e cercare di non affaticare troppo il sistema immunitario, mantenendo ad esempio una sana flora intestinale con l’aiuto dei probiotici”. Ma il virologo ricorda anche l’importanza decisiva di un corretto impiego dei farmaci, invitando a distinguere tra quelli da automedicazione con il bollino rosso sorridente, utilizzabili autonomamente dietro consiglio di medico e farmacista e gli antibiotici, che – ricorda Pregliasco – “devono essere utilizzati solo ed esclusivamente dietro prescrizione medica”. 

Indicazioni confermate anche da Cricelli, che avverte com, “rispetto alle passate stagioni influenzali, l’indicazione quest’anno è di non aspettare di vedere se i sintomi influenzali passano in 3 giorni prima di sentire il proprio medico, ma di contattarlo telefonicamente quando insorgono per monitorare la situazione e concordare insieme un’automedicazione responsabile. E’ importante infatti evitare di azzerare i sintomi dell’influenza e rischiare di nascondere il vero quadro della situazione”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi