Kyriakides (Ue), appello ai governi: “Covid, casi in aumento, manteniamo la guardia alta”

Kyriakides (Ue), appello ai governi: “Covid, casi in aumento, manteniamo la guardia alta”

Roma, 28 settembre – Un imperativo per la salute pubblica è mettere in atto ogni azione che possa impedire incroci pericolosi tra l’influenza stagionale e la difussione del virus sars CoV 2. Lo ricorda con forza la commissaria europea alla Salute Stella Kyriakides (nella foto), ricordando che  autunno e inverno “sono stagioni in cui circolano altre malattie respiratorie, inclusa l’influenza. Per prevenire una potenziale letale doppia pandemia di Covid-19 e influenza, che potrebbe sopraffare i nostri servizi sanitari e portare ad altre perdite di vite, dobbiamo aumentare i tassi di vaccinazione” contro l’influenza.

Kyriakides ha lanciato in videoconferenza da Bruxelles un accorato appello agli Stati membri perché agiscano per tempo, per evitare di trovarsi costretti a imporre nuovi lockdown generalizzati per tentare di frenare la pandemia provocata dal coronavirus.

Le misure “dannose per l’economia”, ma “necessarie” adottate contro la Covid-19 nella primavera scorsa, ha proseguito la commissaria, “sono riuscite a rallentare la diffusione” del virus e “hanno poi permesso di tornare a quella che è la nuova normalità”. Tuttavia, “la rimozione, molto attesa e necessaria, delle restrizioni all’inizio dell’estate, ha portato a quello contro cui abbiamo lanciato ripetuti avvertimenti”, cioè “ad un aumento dei casi”. La situazione in cui versano alcuni Stati Ue, continua la commissaria, è motivo di “vera preoccupazione”. Il fatto che i contagi abbiano ripreso ad aumentare “significa che le misure di controllo non sono state abbastanza efficaci, non sono state fatte rispettare abbastanza oppure non sono state seguite come avrebbero dovuto”.

E, anche se “il tasso di mortalità è più basso di prima” a causa dell’abbassamento dell’età media dei contagiati, ha detto ancora Kyriakides, “iniziamo a vedere un aumento dei ricoveri in terapia intensiva. Non possiamo abbassare la guardia, la crisi non è finita. In questo contesto francamente molto preoccupante vedo l’assoluta necessità di mandare un forte messaggio agli Stati membri”.

Le raccomandazioni “che abbiamo dato in luglio sono più valide che mai: dall’aumento dei test e delle attività di tracciamento dei contatti, dal miglioramento della sorveglianza sanitaria al miglior accesso ai servizi sanitari, all’aumento delle capacità di terapia intensiva, tutti gli Stati membri devono dispiegare immediatamente e nel momento giusto le misure, al primissimo segno di potenziali nuovi focolai” ha quindi sottolineato la commissaria cipriota.  “Sentire che oggi siamo a posto non è sufficiente. Abbiamo piani per gli scenari peggiori? Noi abbiamo messo in piedi strumenti per questo, come ci è stato chiesto: le forniture congiunte per le terapie intensive sono lì per essere usate, con una pianificazione anticipata”.

“Abbiamo consegnato le prime forniture dell’unico farmaco autorizzato per il trattamento della Covid-19, il remdesivir” ha quindi ricordato  Kyriakides “e stiamo già negoziando la prossima fornitura congiunta. Stiamo negoziando con le case farmaceutiche, e abbiamo già firmato due contratti, per il vaccino per la Covid-19, per assicurare accesso ai vaccini quando sarà dimostrato che sono sicuri ed efficaci”.

La commissaria euroepa alla Salute ha quindi ricordato come la Commissione stia lavorando con gli Stati membri e voglia insistere sul tema di “un  approccio coordinato alle restrizioni alla libera circolazione, per assicurare maggiore chiarezza e prevedibilità per i cittadini. La proposta della Commissione è stata già presentata, ma non c’è il consenso tra gli Stati membri: esorto gli Stati membri a fare progressi”.

Coordinarsi sulle restrizioni di viaggio all’interno dell’Ue “è estremamente importante”, ha detto al riguardo la “ministra della Salute” europea, che come tutta la Commissione ha lavorato per settimane, nel marzo scorso, per sbrogliare il caos in cui era sprofondata l’Europa, a causa della chiusura unilaterale e non coordinata delle frontiere interne da parte degli Stati membri, davanti all’estendersi della pandemia di Covid-19.

“Per il vaccino mancano mesi e non sarà come avere la bacchetta magica” ha concluso Kyriakides. “La nostra disciplina determinerà quello che accadrà nei prossimi mesi. Dobbiamo evitare di arrivare ad una situazione in cui i governi non hanno altra scelta se non imporre lockdown generalizzati”.  Misura estrema che, evidenzia la commissaria, “sarebbe dannoso per la nostra salute mentale, per la nostra economia, per il benessere e l’istruzione dei nostri figli, per le nostre vite. Dobbiamo adottare misure che proteggano coloro che ci stanno accanto”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi