Federfarma Roma, MondoFarmacia ritira i candidati e chiede rinvio voto a primavera

Federfarma Roma, MondoFarmacia ritira i candidati e chiede rinvio voto a primavera

Roma, 6 ottobre – Il voto per il rinnovo dei vertici di Federfarma Roma, anticipato all’11, 12 e 13 ottobre prossimi per effetto delle dimissioni rassegnate lo scorso 18 settembre, a pochissimi mesi dalla fine del suo mandato, dal presidente Vittorio Contarina, va posticipato alla prossima primavera, come peraltro previsto dalla scadenza naturale della consiliatura.

A chiederlo sono i candidati al consiglio direttivo del sindacato dei titolari romano del gruppo MondoFarmacia, in una nota diffusa oggi. La richiesta nasce sia da considerazioni di salute pubblica, legate all’aggravamento dell’emergenza sanitaria dovuta al coronavirus,  che ha indotto il presidente della Regione Lazio “a promulgare un’ordinanza contenente ulteriori importanti misure restrittive al fine di limitare i contagi sempre più frequenti”, sia da valutazioni più strettamente legate alla necessità di ristabilire all’interno della comunità dei titolari romani un clima più sereno dell’attuale, quanto mai necessario per riportare il confronto tra le diverse opinioni e posizioni nei binari di una corretta e produttiva dialettica sindacale, nell’interesse dell’intera categoria.

I rappresentanti di MondoFarmacia osservano infatti che “un‘assemblea elettiva convocata dopo venti giorni dalla comunicazione già rendeva molto complesso  organizzare una proposta alternativa”  all’attuale dirigenza sindacale o proporre comunque, sia pur nei ristrettissimi margini di tempo a disposizione, “una soluzione condivisa e paritetica al fine di evitare divisioni all’interno della categoria: era a nostro avviso la soluzione migliore perché consentiva una pluralità di opinioni all’interno del Consiglio”.

Soluzione che, però, non è stata trovata: secondo quanto riferisce MondoFarmacia, che afferma di non essere interessata “a poltrone né a cariche ma solo a fornire il nostro contributo nell’interesse della collettività”, il tentativo è andato a sbattere contro l’argomentazione di una lista di candidati già pronta e nella quale, al più, sarebbe stato possibile trovare  spazio per due o tre posti su venti consiglieri. “Non era questo che ci interessava e non era questo che vogliamo da un sindacato che per essere forte deve essere espressione dell’intera categoria” si legge nella nota di MondoFarmacia.

Ma proprio mentre aveva luogo questo difficile confronto, nel Lazio si è pericolosamente aggravata l’emergenza pandemica, con una forte ripresa dei contagi, generando una situazione che, secondo MondoFarmacia, rappresenta “un’ulteriore grave criticità a un confronto tra colleghi nell’interesse della categoria”.

“Diventa molto difficile se non impossibile per chi ha deciso di candidarsi alle prossime elezioni di Federfarma Roma svolgere tutte quelle attività che normalmente precedono le elezioni” osservano infatti i candidati di Mondofarmacia, evidenziando l’impossibilità a svolgere incontri, riunioni, dibattiti nei quali presentare il proprio programma di iniziative da assumere sindacalmente a tutela della categoria,  per la fatale combinazione tra tempi già molto ristretti a causa delle decisione di anticipare di mesi il voto sindacale e l’inasprimento delle misure restrittive per far fronte all’emergenza sanitaria.

Per tali motivi, spiega la nota, il Consiglio direttivo di Mondofarmacia ha invitato i propri associati e simpatizzanti “a ritirare la  candidatura chiedendo all’attuale dirigenza del sindacato romano, causa anche  l’implementarsi dell’emergenza sanitaria nella nostra Regione, di posticipare le elezioni convocate per l’11-12-13 ottobre, alla scadenza naturale prevista per la primavera del 2021, periodo in cui, secondo la maggior parte degli esperti, la situazione sanitaria dovrebbe radicalmente modificarsi in senso positivo”.

“Continuare a mantenere l’attuale data elettorale come se nulla stesse accadendo rischia non solo di rendere il confronto anomalo per i motivi sopra riferiti ma anche di aumentare notevolmente il pericolo di contagio per tutti i farmacisti che desiderassero recarsi a votare, per i colleghi presenti presso il seggio elettorale, per i dipendenti dell’associazione intenti allo svolgimento del loro lavoro durante le elezioni” argomenta il comunicato di MondoFarmacia, sottolineando anche che “non c’era e non c’è alcuna urgenza che impedisca all’attuale Consiglio di Federfarma Roma di svolgere la sua attività di rappresentanza sindacale fino alla prossima primavera e le circolari inviate questi giorni dimostrano ampiamente quanto stiamo riferendo (ad es. circolare 297/20 sui vaccini nelle quali si enfatizza l’attività e i successi sindacali di un Consiglio che sarebbe dimissionario), consentendo ai candidati e agli elettori uno svolgimento sereno, democratico e in totale sicurezza del confronto elettorale”.

I candidati di MondoFarmacia concludono quindi confidando “nel senso di responsabilità dei colleghi del Consiglio di Federfarma Roma”. Dal quale è prevedibile attendersi una replica della quale il nostro giornale non mancherà di dare il dovuto conto.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi