Andreoni (Simit): “Covid, sono ancora poche le opzioni terapeutiche”

Andreoni (Simit): “Covid, sono ancora poche le opzioni terapeutiche”

Roma, 18 dicembre)- “Contro Covid-19 oggi abbiamo poche opzioni terapeutiche. Dallo scorso febbraio abbiamo capito quali sono i farmaci che non dobbiamo usare perché inefficaci e quali, invece, possiamo sfruttare. Sicuramente l’antivirale che noi oggi utilizziamo di più è il remdevisir: il suo compito è bloccare la replicazione del virus. Questo trattamento ha dimostrato finora una buona attività e una buona efficacia nei confronti dei malati. Poi ci sono il cortisone e l’eparina che somministriamo in quei pazienti che hanno una insufficienza respiratoria, quindi in una fase più avanzata della malattia. In alcuni casi i farmaci anti-interleuchina 6, che servono a controllare in qualche modo la tempesta citochinica che si realizza quando la malattia tende ad evolvere e a dare un quadro di insufficienza respiratoria e un danno multi-organico”.

Visualizza immagine di origineA fare la rassegna, purtroppo breve, delle opzioni terapeutiche di cui disponiamo per combattere il virus Sars CoV 2, in attesa del vaccino, è stato Massimo Andreoni (foto a sinistra), direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit), della quale  si è chiuso due giorni fa il XIX Congresso nazionale (in modalità virtuale a causa delle misure anti Covid).

Per Andreoni, che è anche direttore dell’Unità operativa complessa Malattie infettive del Policlinico Tor Vergata di Roma,  il remdevisir dovrebbe essere assunto nelle fasi iniziali dell’infezione stessa, per impedire che il virus diffondendosi e moltiplicandosi scateni, nella fase successiva, la tempesta citochimica. “Purtroppo le linee guida sulla prescrivibilità del farmaco concessa da Aifa, riguarda i pazienti che in qualche modo sono già in una fase leggermente avanzata della malattia, con polmoniti e una insufficienza respiratoria tale da richiedere ossigeno” ha però precisato l’esperto. “Ovviamente, anche in questi pazienti il farmaco può continuare a svolgere la sua funzione, ovvero bloccare la replicazione del virus, ma è indubbio che poterlo utilizzare in una fase ancora più precedente a questa rappresenterebbe un maggior beneficio per il paziente”.

Durante il Congresso Simit, riferisce un lancio di Adn Kronos, numerose sessioni sono state dedicate al coronavirus. “In questo momento – ha spiegato Andreoni – il Sars-Cov2 preoccupa particolarmente noi ricercatori nell’ambito delle malattie infettive. Abbiamo discusso molto sulle differenze tra i vaccini e su questa grande opportunità che abbiamo per contenere l’epidemia. Ma abbiamo affrontato soprattutto il tema del trattamento del Covid-19, delle possibili opzioni, tra cui il remdevisir”, che come si ricorderà è stato oggetto di controversia” dopo alcuni trial clinici.

“La posizione della Società italiana di malattie infettive e tropicali è chiara e netta: siamo molto cauti nel giudicare negativamente il farmaco e teniamo ancora in maniera assolutamente prioritaria l’uso di questo medicinale nella strategia della terapia per Covi-19” ha voluto precisare al riguardo Andreoni, per poi concludere che “tra le altre strategie terapeutiche che, però, oggi non sono ancora utilizzate, ci sono il plasma iperimmune e gli anticorpi monoclonali. Sul plasma iperimmune esistono dati contrastanti mentre c’è grande attesa per gli anticorpi monoclonali. Entrambi i trattamenti, appena saranno disponibili, dovranno essere utilizzati nelle primissime fasi dell’infezione”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi