Covid, raccomandazione Oms: “Non usare idrossiclorochina per prevenzione”

Covid, raccomandazione Oms: “Non usare idrossiclorochina per prevenzione”

Roma, 3 marzo – L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) esprime una “forte raccomandazione contro l’uso dell’idrossiclorochina in via preventiva per gli individui che non hanno Covid-19”.

Non è  un pietra tombale, ma qualcosa che gli assomiglia molto sul farmaco antimalarico che, in funzione anti-Covid,  registrava il massimo apprezzamento e sostegno all’impiego contro Sars CoV -2  da parte di Donald Trump e Jair Bolsonaro (ma molti certamente ricordano anche gli interventi in Senato di Matteo Salvini e del suo collega di partito Armando Siri per sollecitare l’uso nel nostro Paese di Plaquenil nella cura della malattia).

A emettere quella che suona come una condanna definitiva è la prima living Guideline, o linea guida in continuo aggiornamento, pubblicata sull’autorevole British medical journal, realizzata da un gruppo internazionale di esperti.

“C’è un interesse diffuso – si legge su Bmj – sul fatto che gli interventi farmacologici possano essere utilizzati per la prevenzione della Covid-19, ma c’è incertezza su quali farmaci, se ce ne sono, siano efficaci”. Di qui la necessità di approfondire per fornire a medici e amministratori pareri aggiornati sulla base delle evidenze scientifiche. La forte raccomandazione contraria rispetto all’uso di idrossiclorochina in via preventiva deriva da una revisione sistematica basata su 6 studi condotti su 6.059 partecipanti che hanno rilevato come questo farmaco antimalarico, indicato anche per pazienti con artrite reumatoide, ha avuto un effetto minimo o nullo sulla mortalità e sul ricovero in ospedale da Covid-19. Inoltre ha determinato un effetto minimo o nullo sull’infezione Sars-CoV-2 e probabilmente un aumento degli eventi avversi che ha portato alla sospensione dell’uso in diversi pazienti. Il panel ritiene quindi che “questo farmaco non sia più una priorità di ricerca e che le risorse dovrebbero piuttosto essere orientate alla valutazione di altri farmaci più promettenti per prevenire il Covid-19”.

I successivi aggiornamenti della living Guideline, sviluppata con il supporto della Magic Evidence Ecosystem Foundation, riguarderanno altri farmaci oggetto di indagine per il loro ruolo nella prevenzione della Covid-19. L’obiettivo è supportare i medici nella gestione di Covid-19, con indicazioni affidabili che possano aiutarli ad assumere le decisioni migliori per i loro pazienti.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi