Biosimilari in Italia, pubblicati i nuovi report Aifa su trend consumi e variabilità regionale

Biosimilari in Italia, pubblicati i nuovi report Aifa su trend consumi e variabilità regionale

Roma, 2 aprile – L’Aifa ha pubblicato ieri i nuovi report sul monitoraggio di consumi e spesa dei farmaci biosimilari. I rapporti analizzano i trend di consumo e spesa nel periodo da gennaio 2019  a settembre 2020 e la variabilità regionale nell’impiego nello stesso periodo di questi farmaci nel nostro Paese.

L’incidenza del consumo di biosimilari varia per tipo di molecola e per Regione. A livello nazionale si evidenzia un tendenziale incremento nel consumo, specialmente per le molecole con prodotti di più recente commercializzazione. Il trend dei prezzi è condizionato dalla disponibilità dei diversi medicinali: laddove sono maggiormente presenti, i biosimilari tendono a favorirne una riduzione. Inoltre, la profonda eterogeneità nei prezzi tra le Regioni è legata, oltre che alla penetrazione dei biosimilari, anche alla diversa efficacia delle gare d’acquisto.

Nelle analisi sono ricomprese complessivamente 12 categorie terapeutiche (IV livello Atc), con approfondimenti specifici su singole molecole a brevetto scaduto e sulle diverse vie di somministrazione.

L’andamento dei consumi e dei prezzi dei biosimilari, nazionale e per Regione, è comparato a quello del farmaco originator e dei prodotti appartenenti alla medesima categoria terapeutica. L’analisi evidenzia gli scostamenti regionali dai valori medi nazionali in termini di spesa e consumo, e fornisce un’ipotesi del potenziale risparmio che ogni Regione potrebbe conseguire allineando il prezzo medio corrisposto al valore medio nazionale.

L’obiettivo dei report è fornire informazioni utili agli operatori impegnati nelle attività di monitoraggio e governance della spesa farmaceutica, per promuovere l’uso dei medicinali a brevetto scaduto, valutare l’efficacia delle gare regionali, individuare le aree di intervento e monitorare gli effetti delle politiche introdotte.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi