Toscana, test rapidi anche in parafarmacia, il Consiglio regionale approva mozione

Toscana, test rapidi anche in parafarmacia, il Consiglio regionale approva mozione

Roma, 8 aprile – Il Consiglio regionale della Toscana ha discusso e approvato nella sua seduta di ieri una mozione, presentata lo scorso 15 marzo dal vice presidente Stefano Scaramelli (Italia Viva), concernente la possibilità di eseguire test per la rilevazione del Sars CoV 2 e prenotare i vaccini anti Covid anche nelle parafarmacie del territorio regionale.

Risultato immagine per stefano scaramelli toscanaLa mozione a firma di Scaramelli (nella foto a destra), alla luce della necessità di rafforzare in ogni modo il contrasto alla diffusione del coronavirus responsabile della pandemia, parte dalla premessa che una delle armi più efficaci per raggiungere l’obiettivo è l’aumento della capacità di testing della popolazione, fondamentale per spezzare sul nascere le catene di contagio e anticipare il virus, anziché rincorrerlo. Guardando allo schema di accordo di collaborazione tra Regione e sigle delle farmacie pubbliche e private  per l’effettuazione nelle farmacie di test antigenici rapidi per il Sars CoV 2, che permetterà agli studenti, ai loro familiari e al personale scolastico di fare gratuitamente un test rapido andando semplicemente in farmacia, Scaramelli –  considerata la disponibilità dell’Associazione Parafarmacie Toscana di mettersi a disposizione per l’esecuzione dei tamponi e le prenotazioni dei vaccini –  ha pensato bene di sottoporre al Consiglio l’idea di coinvolgere nelle attività di contrasto alla pandemia anche questi esercizi e i farmacisti che lavorano al loro interno, professionisti qualificati che possono contribuire anch’essi “all’importante attività di screening al fine di contenere la diffusione del virus”.

Da qui la decisione di sottoporre al Consiglio una mozione per impegnare la Giunta regionale a valutare l’offerta di collaborazione avanzata ufficialmente dall’Associazione Parafarmacie Toscana, “accogliendo la loro disponibilità nell’effettuare tamponi, strumenti indispensabili in questa emergenza sanitaria per arginare e contenere il virus Covid 19 e nel mettersi altresì a disposizione per aiutare nella prenotazione dei vaccini gli utenti appartenenti alle categorie autorizzate ma che hanno difficoltà nell’utilizzo di computer e simili”.

La mozione, come già detto, è stata approvata e dovrà essere ora il governo regionale a muoversi nella direzione indicata dal Consiglio. Al riguardo, la presidente dell’Associazione Parafarmacie Toscana, Maria Paola Poli, si è già messa a disposizione della Regione “come riferimento per gli accordi in merito alla mozione approvata”. Poli, in una breve nota diffusa dopo l’approvazione della mozione, nella quale ringrazia il vicepresidente Scaramelli per la presentazione della mozione e l’impegno nel sostenerla in Consiglio, ha voluto anche ricordare che “la presenza delle parafarmacie sul territorio della Toscana si è dimostrata e resta ancora un valido supporto logistico, gestito dal farmacista in parafarmacia, nelle lotta a Covid 19”. 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi