USA, si affaccia lo spettro di un nuovo caos, sospeso in tre stati il vaccino J&J

USA, si affaccia lo spettro di un nuovo caos, sospeso in tre stati il vaccino J&J

Roma, 12 aprile – Lo Stato della Georgia ha disposto la sospensione temporanea del vaccino Johnson & Johnson in uno degli hub vaccinali più grandi del Paese, il Cumming Fairgrounds: lo hanno disposto il Georgia Health Department e il Northern Health District, spaventati da otto casi di reazioni avverse alla somministrazione del siero “assimilabili” ad eventi trombotici.

Esattamente come per il caso del vaccino AstraZeneca, è stata immediata la valutazione di quanto successo e, in attesa di un esito ufficiale, la Georgia risulta il terzo Stato negli Usa dopo dopo Carolina del Nord e Colorado ad aver disposto sospensione temporanea del siero J&J in alcuni dei siti vaccinali più grandi.

Proprio mentre il vaccino di Johnson & Johnson è pronto a sbarcare nel nostro Paese (le prime dosi sono attese in questa settimana), si rischia ora la ripetizione delle situazioni problematiche già vissute con il vaccino AstraZeneca: l’Ema ha già avviato una seconda valutazione del vaccino USA, mentre l’autorità regolatoria degli States, la Fda,  negli States ha dichiarato proprio ieri «Non abbiamo trovato una relazione causale con la vaccinazione (dopo episodi di trombosi cerebrale, ndr) e stiamo continuando la nostra indagine e valutazione di questi casi. La nostra analisi dei dati informerà la potenziale necessità di un’azione normativa».

Delle 425 persone che hanno ricevuto dosi di Johnson & Johnson nel sito vaccinale della Georgia mercoledì scorso, 8 sono stati i casi con reazioni avverse negative: una persona è stata ricoverata, le altre invece sono state monitorate e mandate a casa. «Le reazioni erano coerenti con le reazioni comuni negli adulti che sono vaccinati, con qualsiasi vaccino, ma a causa del numero di individui colpiti, il sito ha interrotto la vaccinazione J&J per la valutazione», hanno detto dal Dipartimento della Salute della Georgia, aggiungendo però che nelle scorse settimane “sono state somministrate decine di migliaia di dosi in tutto lo stato senza reazioni avverse”.

La Commissaria alla Salute Kathleen Tomei ha specificato ai media USA come sul vaccino anti-Covid J&J (l’unico a dose unica, che anche in ragione di questa caratteristica è quello candidato a essere somministrato, quando sarà, anche nelle farmacie aperte al pubblico) è del tutto inutile sollevare allarmismi al momento privi di fondamento:  “Non c’è motivo di credere che ci sia un errore nel vaccino stesso, e altre persone che hanno ricevuto il vaccino non dovrebbero sentirsi ansiose“, ha detto Tomei.

Ma nel frattempo le autorità statali stanno esaminando quanto successo in Georgia, Iowa, North Carolina e Colorado, specificando sempre con Tomei  che si sta attentamente esaminando “cosa è successo e cosa potrebbe aver innescato le reazioni, comprese le condizioni al quartiere fieristico come il calore e la capacità di mantenere il sito fresco“.

Il Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) ha infine dichiarato di essere a conoscenza delle segnalazioni sul vaccino J&J, ma non consiglia al momento la sospensione del farmaco.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi