Firmato accordo con Fnopi, 270mila infermieri pronti a vaccinare anche a domicilio

Firmato accordo con Fnopi, 270mila infermieri pronti a vaccinare anche a domicilio

Roma, 24 maggio – Vaccinare tutti e il prima possibile: l’imperativo della campagna nazionale anti Covid per ottimizzare e velocizzare il processo di immunizzazione del Paese, precondizione per avviare la sua ripresa economica, si arricchisce di un nuovo capitolo. Anche gli infermieri professionali, infatti, sono stati arruolati a pieno titolo nella battaglia vaccinale. È stato infatti firmato dal ministero della Salute, dalle Regioni e dalla Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche (Fnopi) un protocollo d’intesa che, basandosi sulla possibilità di deroga all’esclusiva per gli infermieri dipendenti, prevista nel decreto Sostegni, e allargando la platea degli assistiti anche agli over 18 per gli infermieri pediatrici, prevede che tutti gli infermieri, in autonomia svolgano il servizio di vaccinazione al domicilio dei soggetti, che hanno difficoltà a muoversi per raggiungere i siti vaccinali. Il tutto previo adeguato ‘triage prevaccinale (anamnesi standardizzata)’ per verificare la presenza di controindicazioni e/o di precauzioni da seguire prima di somministrare il vaccino.

Il servizio – secondo quanto riferisce una nota della stessa Fnopi – sarà organizzato dai distretti delle Asl territorialmente competenti, che provvederanno anche a fornire a quanti dei 270.000 infermieri e infermieri pediatrici del Ssn daranno la propria disponibilità, le dosi vaccinali anti Sars-CoV-2, farmaci, dispositivi e presidi sanitari necessari per le attività di vaccinazione e per l’intervento sui possibili eventi avversi collegati alla vaccinazione.

“RRisultato immagine per barbara magiacavalli ingraziamo per la piena valorizzazione dei nostri professionisti il ministro della Salute Roberto Speranza e il presidente della Conferenza delle Regioni Massimiliano Fedriga” commenta Barbara Mangiacavalli (nella foto), presidente della Fnopi. “Entrambi hanno accolto la disponibilità, l’impegno e la professionalità degli infermieri per dare uno sprint decisivo alla campagna vaccinale”.

Le motivazioni del protocollo sono nel fatto che l’emergenza sanitaria, causata dalla diffusione del virus rende indispensabile e urgente la “necessità di rafforzare strutturalmente la resilienza, la prossimità e la tempestività di risposta del Sistema sanitario nazionale”, sottolinea Mangiacavalli. Per questo “la somministrazione a domicilio dei vaccini anti SarS-CoV-2 per le persone che non possono recarsi presso i siti vaccinali organizzati dalle Regioni e dalle Province autonome” è “fondamentale per incrementare la copertura vaccinale della popolazione”.

In questo senso per gli infermieri vaccinatori che operano dopo l’orario di lavoro grazie al superamento dell’esclusiva – spiega ancora la nota Fnopi – a questo punto grazie al protocollo anche a domicilio, è previsto lo stesso compenso già stabilito per le altre professioni: 6,16 euro a inoculazione. Previsione che amplia il ventaglio delle nuove possibilità di retribuzione a disposizione delle Regioni per gli infermieri oltre la previsione già indicata dell’utilizzo a questo scopo dei compensi aggiuntivi.

Per tutto – riferisce ancora Fnopi – sarà previsto un necessario finanziamento aggiuntivo a integrazione del Fondo sanitario nazionale, progressivamente definito sulla base dell’andamento della campagna vaccinale.

Questo ulteriore tassello costruito dalla Federazione – conclude Mangiacavalli – testimonia ancora una volta il ruolo e la rilevanza di un’assistenza infermieristica organizzata secondo i canoni di risposta vera ai bisogni dei cittadini che non sono solo sanitari, ma anche sociali: i fragili vanno tutelati ed è il sistema e l’assistenza a dover andare verso di loro, non il contrario. E questo è da sempre l’obiettivo e l’azione degli infermieri”.

Info:
Print Friendly, PDF & Email
Condividi