Carfi (Moderna): “Tra uno o due anni vaccino unico per influenza e coronavirus”

Carfi (Moderna): “Tra uno o due anni vaccino unico per influenza e coronavirus”

Roma, 31 maggio – In un’intervista al quotidiano la Repubblica, Andrea Carfi (nella foto), il coordinatore dell’equipe di ricerca di Moderna che realizzato il vaccino anti-Covid dell’azienda americana, parla delle promettenti Visualizza immagine di origineprospettive che si aprono, già nel prossimo futuro, per la messa a punto di nuove armi vaccinali. “L’efficacia contro il coronavirus è incoraggiante. Abbiamo un ventaglio di malattie da affrontare, dall’Hiv al virus respiratorio sinciziale che mette in pericolo i neonati. A breve partiranno i test clinici per il vaccino contro l’influenza” dichiara Carfi. “L’Rna permette di aggiornarlo rapidamente ai nuovi ceppi e di aumentare l’efficacia rispetto all’attuale. Il nostro obiettivo è mettere a punto un unico vaccino contro influenza e coronavirus. Ci sono però i test da completare, le autorizzazioni da ottenere. Metterei in preventivo uno o due anni”.

“Abbiamo completato gli studi del vaccino sugli adolescenti e ora andiamo avanti con i test sui bambini” continua il ricercatore. “Procedendo a ritroso con l’età, arriveremo fino ai sei mesi”. Carfi annuncia inoltre che già è stata messa a punto “una versione aggiornata per la variante sudafricana, la stiamo testando”.

“La quantità di anticorpi dopo la vaccinazione scende col passare dei mesi” spiega ancora  Carfi a proposito dei richiami per il vaccino. “Al momento pensiamo a una terza somministrazione, ma con un dosaggio ridotto rispetto alle prime due. Da 100 microgrammi possiamo passare a 50 o 20. Quanto alle varianti – precisa – la tecnologia dell’Rna consente di aggiornare il vaccino in tempi rapidi. Bastano 40 giorni, al netto delle prove cliniche. Al momento stiamo testando una nuova versione contro la variante individuata in Sud Africa, quella che fa perdere più efficacia al vaccino attuale. I nostri test consistono nel prendere del sangue dai vaccinati e metterlo a contatto con i nuovi ceppi del virus. Gli anticorpi nel sangue possono legarsi più o meno bene al coronavirus, quindi essere più o meno efficaci nel bloccarlo. Se vediamo che la perdita di efficacia è importante, come nel caso della sudafricana, possiamo decidere di intraprendere l’operazione di aggiornamento”.

A proposito del tipo di richiamo che potremmo aspettarci in autunno, il ricercatore risponde che si sta procedendo a testare tre opzioni:  “La prima è una terza somministrazione della versione corrente del vaccino, per rialzare il livello degli anticorpi. La seconda è un richiamo con l’Rna aggiornato alla variante sudafricana. La terza opzione è un mix dei due vaccini, e dai primi dati clinici sembra la migliore”.

“Stiamo inoltre per presentare la richiesta alle agenzie regolatorie in Europa e Stati Uniti, nella fascia d’età dai 12 fino ai 18 anni” annuncia quindi Carfi.  “La risposta immunitaria degli adolescenti è buona, come negli adulti. Per loro abbiamo usato lo stesso dosaggio, 100 microgrammi. Per l’età pediatrica invece testeremo dosaggi anche più bassi. Sui bambini si va avanti con cautela, scendendo pian piano di età, fino ai sei mesi. I più piccoli hanno un tipo di risposta immunitaria diversa”.

Quanto ai tempi necessari fra la prima somministrazione e la seconda, Carfi afferma che “le valutazioni spettano alle agenzie sanitarie nazionali. Noi dai dati delle vaccinazioni sul campo vediamo che l’efficacia inizia due settimane dopo la prima dose, ma la seconda è importante per avere delle risposte immunitarie più forti, e quindi una protezione migliore e più lunga. Con alcune varianti poi la protezione dopo la prima iniezione potrebbe non essere sufficiente. Più le persone sono fragili e a rischio, e più sono in circolazione nuovi ceppi, più diventa importante avere la seconda dose”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi