Giornata mondiale del Farmacista, l’apprezzamento delle istituzioni per la professione

Giornata mondiale del Farmacista, l’apprezzamento delle istituzioni per la professione

Roma, 27 settembre  – “Le farmacie sono un presidio sul territorio imprescindibile per il nostro Servizio sanitario nazionale. Lo stanno dimostrando anche nella lotta al Covid sia nella campagna di vaccinazione che con test e tamponi effettuati ogni giorno. Oggi è la Giornata mondiale del Farmacista. Grazie per il vostro lavoro.”

Risultato immagine per roberto speranzaQuesto il messaggio che il ministro della Salute Roberto Speranza (nella foto) ha voluto dedicare sul suo profilo Facebook, sabato scorso 25 settembre, a tutti i farmacisti, in occasione della celebrazione della giornata mondiale dedicata a una professione diffusa e apprezzata in tutto il mondo, dove i farmacisti sono in totale più di 4 milioni.

Un messaggio, quello del ministro, al quale ha subito risposto il presidente della Fofi  Andrea Mandelli: “Grazie per le parole che ha voluto dedicare ai farmacisti italiani” ha commentato il presidente della federazione professionale, che ha però dovuto incassare sullo stesso account FB del ministro le contestazioni di non pochi farmacisti collaboratori e delle parafarmacie, in gran parte basate sull’accusa di limitarsi a tutelare la categoria dei titolari di farmacia e non tutta la professione.

Mandelli, nell’occasione, ha indirizzato una lettera a tutti i colleghi farmacisti, ringraziandoli per il loro impegno e ricordando che “la fiducia del pubblico nasce e si mantiene nella coerenza tra parola e azione. Abbiamo sempre sostenuto di essere il primo presidio sul territorio e lo abbiamo puntualmente e concretamente dimostrato anche durante questo terribile anno e mezzo di emergenza sanitaria”. 

Nella lettera, il presidente della Fofi  ricorda come durante l’emergenza il ruolo del farmacista e della farmacia si siano rafforzati, ampliando la partecipazione ai processi di cura e assistenza in collaborazione con gli altri professionisti sanitari sul territorio. “Abbiamo portato a compimento nuovi servizi” ha sintetizzato il presidente della Fofi “dalla dematerializzazione delle ricette al potenziamento della consegna a domicilio, dalla partecipazione alle campagne di screening per il Sars-CoV-2 alla partecipazione alle campagne vaccinali, quella contro la Covid e quella, imminente, contro l’influenza stagionale. Un segno della capacità del farmacista di rispondere alle emergenze accettando la sfida di ampliare il suo intervento”.

“Abbiamo molti motivi per solennizzare questa Giornata internazionale del farmacista” ha quindi concluso Mandelli. “Per i risultati che abbiamo raggiunto, per gli ulteriori obiettivi che insieme possiamo raggiungere, per la certezza di avere fatto fino in fondo il nostro dovere, anche nelle condizioni difficilissime in cui si è trovato il Paese e, soprattutto, per la consapevolezza che i nostri concittadini hanno riconosciuto il nostro impegno”.

Molte sono state le manifestazioni di apprezzamento ai professionisti del caduceo, protagonisti negli ultimi anni di una grande evoluzione del loro ruolo che ha valorizzato e potenziato la loro dimensione di professionisti della sanità di prossimità.  Tra le molte attestazioni di stima, vanno registrate anche quelle del sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri, che ha ricordato come  la farmacia sia “un presidio essenziale del nostro Servizio sanitario nazionale e, specialmente nei piccoli centri urbani, ne rappresenta l’avamposto più periferico. Spesso il farmacista è visto come un punto di riferimento della comunità perché ascolta, consiglia e indirizza verso una corretta educazione sanitaria”.  Il sottosegretario ha anch’egli voluto ricordare il ruolo della categoria durante l’emergenza pandemica: “Anche durante le fasi più acute della pandemia i farmacisti hanno fornito un importante sostegno al Paese, garantendo la continuità di servizi essenziali. Un ruolo prezioso, confermato anche dalla partecipazione alle più importanti attività di contrasto alla diffusione del Covid, dagli screening fino alla somministrazione dei vaccini, e che ora – in coerenza con l’evoluzione della “farmacia dei servizi” – prosegue con l’adesione alla prossima campagna vaccinale antinfluenzale. Oggi, in occasione della Giornata mondiale a loro dedicata” ha concluso Sileri “il mio ringraziamento va a tutti i farmacisti per la professionalità e l’impegno spesi quotidianamente a supporto della sanità territoriale”.

Un ringraziamento è arrivato anche dal presidente della Regione Liguria  Giovanni Toti: “Nella giornata mondiale dedicata a loro, voglio dire grazie a tutte le farmaciste e i farmacisti del nostro Paese e in particolare della Liguria, punto di riferimento insostituibile per i cittadini in questi mesi di pandemia. È anche grazie alla loro preziosa collaborazione, soprattutto nell’attività di screening e nella campagna vaccinale, se oggi stiamo finalmente tornando alla normalità”.

E anche Alessio D’Amato, assessore alla Sanità del Lazio, ha voluto fa pervenire un messaggio ai professionisti del caduceo della Capitale e della Regione, rimarcandone il contributo assicurato durante l’emergenza pandemica. “In occasione della Giornata mondiale del Farmacista un grazie alle farmacie di Roma e del Lazio per il loro impegno nel contrasto al Covid” ha scritto D’Amato. “Sono oltre 2 milioni i test e 300 mila i vaccini eseguiti, un risultato importante per il servizio sanitario regionale”.

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi