Green pass, le tabelle del Governo con le attività consentite dai due diversi certificati

Green pass, le tabelle del Governo con le attività consentite dai due diversi certificati

Roma, 6 dicembre – Entra in vigore oggi il tanto atteso green pass rafforzato, che da qui fino al 15 gennaio avrà un ruolo di primo piano nel “regolare” la vita degli italiani.  Per questo, con una decisione utile e molto opportuna, Palazzo Chigi ha pubblicato sul sito ufficiale del Governo le risposte alle questioni e ai dubbi più importanti dei cittadini, così da troncare sul nascere eventuali equivoci  sulla materia, alla luce dell’ormai comprovata esistenza di nuclei (si presume non disinteressati) molto attivi nel diffondere a piene mani disinformazione in materia di Covid.

È ragionevole ritenere, però, che come sempre avviene, milioni di italiani – in particolare quelli che hanno poca dimestichezza con la navigazione sul web – troveranno infinitamente più comodo chiarirsi le idee e fugare le perplessità in altri modi, a partire dalla richiesta di informazioni in famiglia e agli amici, nella speranza che ne sappiamo di più, oppure  – i più avveduti – rivolgendosi a chi deve, per ruolo e funzione, essere  in grado di fornire le giuste risposte, come i professionisti della salute. Tra i quali i più “gettonati” – per ragioni di prossimità ma anche per la fiducia riposta nei loro confronti – sono i farmacisti delle farmacie di comunità. Può dunque essere utile sintetizzare, qui sotto, un piccolo “prontuario” per richiamare le risposte da offrire, in modo diretto e semplice, alle richieste sul cosiddetto “super green pass” che – con ogni probabilità – a partire da oggi si sentirà rivolgere chi sta al banco della farmacia, relative al cosa si possa o non si possa fare con la certificazione, dagli spostamenti alle attività di svago, passando per la scuola, il lavoro, i ristoranti e lo sci, in ogni fascia di rischio.

Ecco dunque cosa si può fare con il green pass “base”, cosa è permesso con il green pass “rafforzato” e cosa invece è proibito alle persone non vaccinate. In calce all’articolo, pubblichiamo il link alla tabella resa disponibile da Palazzo Chigi, dove tutte le disposizione, ancorché schematicamente, sono illustrate in dettaglio. Le nuove regole scaturiscono dal decreto legge 26 novembre 2021, n. 172, pubblicato in pari data sulla Gazzetta Ufficiale serie generale n. 282.

Ciò che andrà preliminarmente chiarito è la differenza tra le due tipologie di green pass: quello “rafforzato” viene concesso esclusivamente a fronte della vaccinazione o della guarigione dal Covid-19, mentre il certificato base viene dato anche con l’esito negativo di un tampone, che può essere molecolare e antigenico rapido. Questo non significa che da oggi chi si è già vaccinato con due dosi e chi è guarito dal Covid deve scaricare un green pass nuovo: il certificato verde già in suo possesso sarà infatti letto, al momento delle verifiche, come un “super green pass”.  Il cambiamento, in altre parole, riguarda solo chi verifica la certificazione verde attraverso il Qr Code in nostro possesso: l’app VerificaC19, che fin qui ha semplicemente letto l’informazione relativa alla validità del green pass sottoposto alla scansione,  leggerà da oggi in poi anche se la certificazione è stata ottenuta tramite vaccino, certificato di guarigione o tampone. Nei luoghi dove è previsto l’accesso solo con il  green pass rafforzato, l’app segnalerà ed escluderà i green pass “base”ottenuti con il tampone.

Ecco, nella sintesi del Governo,  quel che è ammesso e quello che non ammesso con le due differenti certificazioni verdi.

I mezzi pubbliciSenza green pass base – quello ottenibile con un tampone negativo – non si prendono aerei, navi, treni e traghetti e nemmeno bus e metropolitane. In compenso ci si può spostare con l’auto privata all’interno del proprio comune. Ma verso altri comuni della stessa Regione e verso altre Regioni in zona arancione si può andare “solo per lavoro, necessità, salute o per servizi non sospesi ma non disponibili nel proprio comune”.

Spostamenti – Torna per le feste di Natale in la deroga per chi vive in comuni con massimo 5000 abitanti verso altri comuni entro i 30 km (eccetto il capoluogo di provincia). A queste condizioni possono spostarsi tutti, anche i non vaccinati, purché con la propria auto. I ragazzi minori di 12 anni possono prendere lo scuolabus anche senza green pass in zona bianca, gialla e arancione, ma chi ha compiuto i 12 anni deve mostrare il certificato base, che si ottiene con il tampone. E ci sono anche le regole per l’utilizzo di mezzi di  trasporto pubblico non di linea come taxi e autovetture  adibiteservizio di noleggio con conducente, il cui uso è permesso anche a chi è sprovvisto di certificato verde, sia base che super, in zona bianca, gialla e arancione. I non vaccinati, invece, non possono usare gli impianti di risalita chiusi come funivie e cabinovie in tutte e tre le zone, ma in zona bianca e gialla possono prendere skilift e seggiovie aperti, cosa che resta invece vietata in zona arancione.

L’accesso al luogo di  lavoro per i lavoratori  pubblici e privati  (eccetto per i lavoratori pubblici per i quali vige l’obbligo vaccinale) non è consentito senza green pass e la stessa regola vale ovviamente anche per le mense aziendali.

L’accesso ai servizi alla persona è consentito anche a chi non ha green pass in tutte e tre le zone (bianca, gialla e arancione), così come laccesso ai negozi al di fuori dei centri  commerciali e l’accesso ai negozi nei centri commerciali nei giorni feriali  (esclusi i prefestivi). In questi ultimi, nei giorni festivi e prefestivi, l’accesso è invece precluso a chi è senza green pass e a chi possiede solo quello base. Fanno eccezione alimentari, edicole, librerie, farmacie e tabacchi, ai quali si può accedere anche privi di certificato verde.

Accesso a uffici pubblici per usufruire di servizi È consentito a tutti, anche chi non ha il green pass, in tutte e tre le zone.

Per tutte le disposizioni per l’accesso ad ulteriori attività (dalle terme ai circoli sportivi, dai cinema e teatri ai musei, dai matrimoni e cerimonie civile ai centri culturali fino alle sale gioco) rimandiamo alla tabella predisposta dal ministero (il link è qui sotto). Per comodità dei lettori, pubblichiamo di seguito anche il collegamenti a due pagine rese disponibili  dal Corriere della Sera online: una guida video con tutto quello che c’è da sapere sulle nuove regole e le indicazioni su come scaricare  il green pass rafforzato e quello base.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi